Home » Cultura » Cardinal Cesare Baronio

Cardinal Cesare Baronio

Scena Settima: CALVINO – Mainz 1606. Giusto Calvino, seduto al tavolino, s’accinge a scrivere al Card. Cesare Baronio.

CALVINO: (Pronunciando ogni parola mentre scrive con una penna d’oca su una carta da lettera) Mainz, oggi dì 27 gennaio, Anno Domini 1606. Eccellentissimo Cardinale Cesare Baronio, chi Vi scrive è il Vostro amatissimo e umilissimo Giusto Calvino, Vostro “figlioccio”, come Voi siete solito chiamarmi affettuosamente. Vi invio questa mia epistola a ringraziarVi per tutto quello che Voi avete fatto per me. Un tempo io ero un povero eretico calvinista, un figlio della Riforma, così come tanti, vittima delle nuove proposte dilaganti che arrivavano dalla Sassonia, dalla Piccardia, dalla Svizzera. Che poi per quanto riguarda me, personalmente, a dir il vero, io credo di aver abbracciato la religione riformata e con particolare fervore, principalmente in quanto parente stretto di Giovanni Calvino fondatore di una delle più diffuse, fra queste nuove religioni protestanti. Così, quando Voi siete entrato nella mia vita, la mia vita ha incominciato a colorarsi di amore, di fiducia nel futuro, di Fede in Dio, nella Vergine, nei Santi. Voi, che avete convertito luterani, zuingliani, calvinisti e mussulmani, ferventi apologisti noti in tutta Europa, come Giacomo Nigrino o Federico Husmann, non so dove abbiate trovato anche il tempo e la pazienza per convertire, un povero teologo, esaltato come tanti allora, un modesto uomo di provincia, distribuito fra un lavoro di insegnante, una sposa e dei figli. Così Voi mi avete aiutato a venire in Italia assieme a mio fratello e alla mia famiglia, mi avete spinto a prendere un dottorato in Teologia a Perugia e una laurea in Diritto a Siena. A Roma, poi, avete fatto da padrino alla mia Cresima e alla mia Prima Comunione, due cerimonie entrambe celebrate, per grazia di Dio e Vostra, personalmente da Sua Santità Papa Clemente VIII, presso la Basilica di San Giovanni in Laterano. E fu in quell’occasione che io assunsi il Vostro nome di “Baronio”; per cui è da allora che io posso chiamarmi, per Vostra concessione, “Justus Baronius Calvinus”. Oggi, che vesto l’abito dei Carmelitani Scalzi, posso dirVi di aver avuto veramente grandi privilegi dall’amore che nutro per la Madonna del Carmelo. E questo e tutto il resto grazie a Voi!

BARONIO: (Vfc: risponde scrivendo con una penna d’oca su una carta da lettera) È bello quello che stai dicendo; ha del miracoloso. Ma sarà bene che tu metta a freno il tuo entusiasmo. Il Signore Iddio, Lui, che dovrebbe per primo essere entusiasta del Suo creato, sicuramente non può esserlo, almeno dal risultato di noi creature umane, per i nostri pensieri, per i nostri comportamenti. Perché allora dovremmo esserlo noi di noi stessi? E poi ora non stare ad adularmi! Se hai potuto abbracciare la Fede Cristiana, secondo me, lo devi soprattutto alle amorevoli attenzioni che ti hanno riservato, a quel tempo, i due tuoi amici gesuiti e alle letture, che tu hai regolarmente fatte, degli scritti del Cardinal Bellarmino.

CALVINO: Non c’è dubbio, ma la Vostra generosa e costante assistenza ha fatto sì che poi persistessi nella Fede. Voi siete una persona preziosa per tanti in Europa, non soltanto per me. Voi siete amato nel mio paese, in Prussia; in Polonia siete addirittura adorato. Il vostro nome compare spesso nei drammi del loro Teatro Gesuitico; le Vostre opere letterarie sono state tutte tradotte nella loro lingua. In Francia e in Spagna poi, siete quasi venerato.

BARONIO: (Vfc) Eppure io son qui alla Vallicella che attendo trepidante la Morte, la quale invece è già dietro la porta, che mi rimprovera tante cose; con i miei confratelli che devono sopportare le mie lagne per tutti gli acciacchi che ho; quelli dovuti all’età, so bene!

CALVINO: Ah! Quei Vostri cari Confratelli dell’Oratorio! L’Eminentissimo Padre Antonio Gallonio, Flaminio Riccio, Francesco Bozio, Pietro Dieni che tutti chiamavamo simpaticamente “Pernacchione”. Sì, l’Oratorio che ho avuto il piacere e l’onore di sperimentare a Roma presso la Vostra Chiesa di Santa Maria in Vallicella. Ricordo ancora tutti quei pomeriggi, quelle sere, nella sala del refettorio a declamare, a disquisire, ad ascoltare musica, a rivivere storie di vite di Santi, con i Vostri confratelli, con i laici, con gli artisti, tutti insieme protagonisti. Che meraviglia, che momenti!

BARONIO: (Vfc) Sono contento che tu sia rimasto contento di noi. Lo siamo tutti, anche noi per te, preti oratoriani e fedeli, qui alla Vallicella. Ma dovremmo tutti ringraziare nostro Padre Filippo e il Maestro Pierluigi da Palestrina che hanno ideato questa formula straordinaria per stare tutti insieme in armonia: grandi, piccini, preti, laici, maschi, femmine, ricchi, poveri. Pertanto anche tu devi ringraziare quel sant’uomo di Padre Filippo se la tua teologia l’hai potuta sperimentare concretamente. A tal proposito vorrei suggerirti un tema che ritengo particolarmente idoneo per un teologo che si interessa alle vicende umane come fai tu, un tema su cui dissertare durante un Oratorio dalle parti tue, lì a Mainz. Eccolo, questo tema! “Con la Santità si possono restaurare le Istituzioni, mentre non si può restaurare la Santità con le Istituzioni”. Questo era quanto affermava Filippo Neri, il nostro fondatore della Congregazione degli Oratoriani.

CALVINO: Allora, se Vostra Eccellenza mi consete, anch’io avrei un tema da proporre, un tema che amerei fosse discusso in seno ad uno dei Vostri Oratori a Santa Maria in Vallicella. Eccolo, questo tema! “La giustizia della Vostra misura di uomo, Illustrissimo Cardinal Cesare Baronio, è ormai vicina. Il tempo, galantuomo, sta già delineando la Vostra statura di gigante”. … (Lunga pausa) Spero che il Buon Dio vi faccia rimettere presto dai Vostri acciacchi. Io, dal canto mio, pregherò per Voi la Madonna del Carmelo. Vostro umilissimo servo, Justus Baronius Calvinus. (Buio)

Tags