Home » Letteratura » Re Matteuccio Primo, pubblicata la prima edizione integrale in lingua italiana

Re Matteuccio Primo, pubblicata la prima edizione integrale in lingua italiana

È finalmente nelle librerie italiane la prima e unica edizione integrale di Re Matteuccio Primo (Villaggio Maori Edizioni), il grande classico della letteratura d’infanzia polacca. Scritto nel 1922 da Janusz Korczak, al secolo Henryk Goldszmit, l’illustre pedagogo, medico, pubblicista e scrittore polacco, ucciso nel campo di sterminio di Treblinka insieme ai bambini del suo orfanotrofio, il romanzo racconta le vicissitudini del giovane erede al trono Matteuccio, che deve presto rinunciare a un’infanzia felice e spensierata perché costretto a succedere al re suo padre morto improvvisamente. Re Matteuccio vive un avvincente susseguirsi di avventure e disavventure, che lo portano a crescere in fretta, a farsi nuovi amici e nemici, ma soprattutto a scontrarsi con la dura realtà. Infatti Re Matteuccio, talvolta riformatore, talaltra tiranno, impara a sue spese preziose lezioni di vita: capisce che non c’è azione senza conseguenza (più o meno grave) e che non sempre chi ci circonda è chi dice di essere. In effetti il romanzo rispecchia la vocazione educativa dell’autore, poiché aiuta i bambini suoi lettori a comprendere meglio i meccanismi della politica e mostra loro come imparare dai propri errori e affrontare a testa alta tutte le sconfitte e le amarezze della vita. Allo stesso tempo, pure gli adulti, il secondo destinatario dell’opera, ricavano interessanti spunti di riflessione da questa lettura. Ogni capitolo si legge tutto d’un fiato grazie alla pregevole traduzione di questa nuova versione italiana, curata da tre nomi di rilievo della nostra polonistica, Andrea Ceccherelli, Lorenzo Costantino e Marcin Wyrembelski. L’edizione ha il merito di rispettare appieno lo spirito e lo stile della prosa dell’originale polacco ed è impreziosita da un’utile prefazione, nonché dalle belle illustrazioni di Alessio Maggioni. Insomma un’impresa splendidamente riuscita, tanto che un po’ dispiace arrivare all’ultima pagina. Non ci rimane che sperare nella pubblicazione del sequel!

Tags