Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Info Premio

Premio Gazzetta Italia

Nel 2015, in occasione della festa dei primi cinque anni di Gazzetta Italia al caporedattore della rivista Sebastiano Giorgi è venuta l’idea di creare un riconoscimento dedicato alle persone che nella loro carriera si sono distinte nelle relazioni italo-polacche. Un’idea che ha avuto subito il gradimento dell’Ambasciata d’Italia a Varsavia e delle altre istituzioni italiane in Polonia tra cui in particolare quello della Console Italiana a Cracovia Katarzyna Likus.

Sebastiano Giorgi e Ambasciatore Aldo Amati

“Il Premio Gazzetta Italia è un riconoscimento importante che
nel valorizzare chi si è distinto
nelle relazioni italo-polacche contribuisce a consolidare i rapporti tra due paesi storicamente vicini che, quest’anno, festeggiano cent’anni di relazioni diplomatiche”,

ha dichiarato l’ambasciatore italiano in Polonia Aldo Amati aprendo la IV edizione del Premio, il 12 aprile 2019.

Il Premio, anzi ormai dobbiamo dire i premi, vengono assegnati durante una serata di gala che si è sempre rivelata essere un evento molto glamour e partecipatissimo dai rappresentanti del mondo istituzionale, culturale, artistico e imprenditoriale degli italiani in Polonia e dei polacchi legati al Bel Paese. Un evento mondano che sintetizza al meglio lo stile italiano mettendo insieme cultura, sfilate di moda, personaggi illustri, prodotti di prestigio, musica dal vivo e buon cibo, il tutto in una atmosfera rilassata e informale. Un appuntamento che fin dalle prime edizioni ha portato qualcosa di nuovo nelle serate mondane polacche tanto da influenzare il panorama dei gala varsaviani.

Renato Rizzi

Jerzy Stuhr

Il Premio, pensato per essere biennale, dal 2017 è invece diventato annuale.

Dal 2018 il Premio viene realizzato insieme a Kasia Stefanow titolare di Mystyle Events, una collaborazione che ha arricchito il Premio di sfilate di moda e di speciali menzioni artistiche.

Nel 2020, a causa della pandemia di Covid-19, si è preferito soprassedere al tradizionale evento a Varsavia ma si sono comunque assegnate 5 Menzioni Speciali per il Cinema in occasione della Mostra del Cinema di Venezia. I premiati sono alcuni dei protagonisti del film “Non odiare”, coproduzione italo-polacca, in concorso alla Settimana della Critica.

I vincitori del Premio e delle Menzioni Speciali, oltre alla tradizionale statuetta, ricevono uno splendido oggetto in vetro artistico di Murano, splendi manufatti artistici offerti dall’azienda Yalos Murano e dal Consorzio Promovetro di Murano.

L’evento della premiazione è una straordinaria occasione di comunicazione per le aziende che alla serata possono partecipare con varie forme di sponsorizzazione (per info scrivere a redazione@gazzettaitalia.pl e a kasia.stefanow@mystyle-events.com). 

Salvatore Piccione / Piccione-Piccione, Kasia Stefanow / Mystyle Events

Alessandro Biasi / A Lab Milano

Albo d'Oro Premio Gazzetta Italia

Henryka Bochniarz

economista e politica

Zbigniew Boniek

calciatore

Massimiliano Caldi

direttore d’orchestra

Marcin Kowalik

pittore

Tessa Capponi-Borawska

storica, docente scrittrice

Jaś Gawroński

giornalista, scrittore

Marcin Lepa

giornalista

Umberto Magrini

imprenditore

Jarek Mikołajewski

scrittore

Jan Ostrowski

storico dell’arte

Jacek Pałasiński

giornalista

Renato Rizzi

architetto

Jerzy Stuhr

attore, regista

Grażyna Torbicka

giornalista

Krzysztof Zanussi

regista

Menzioni Speciali per la Moda

Alessandro Biasi

A Lab Milano

Łukasz Jemioł

stilista

Salvatore Piccione

Piccione-Piccione

Maciej Zień

stilista

Menzioni Speciali per il Cinema

Maciej Sterzyński

Stern Pictures

Michał Sterzyński

direttore fotografia

Mario Mazzarotto

presidente Movimento Film

Guglielmo Marchetti

presidente Notorius

Alessandro Gassman

attore

Maciej Sterzyński, Sebastiano Giorgi, Michał Sterzyński, Mario Mazzarotto, Guglielmo Marchetti, Alessandro Gassman

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco