A Breslavia task force di ricerca contro il Coronavirus

0
1273

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Il Prof. Marcin Drąg dell’Università di Tecnologia di Breslavia e il suo team hanno sviluppato un enzima la cui azione può essere cruciale nella lotta contro il coronavirus SARS-CoV-2. Il suo team ha già messo gratuitamente a disposizione dei ricercatori di tutto il mondo i suoi risultati. La ricerca condotta dagli scienziati di Breslavia sta diventando anche una base per la ricerca di un farmaco per COVID-19. L’enzima che ha testato la sindrome – la proteasi SARS-CoV-2 Mpro – taglia le proteine che sono in questo virus. Gli permette di sopravvivere. Se questo enzima viene inibito, il virus muore all’istante. “Se trattiamo questo enzima come una serratura, ne abbiamo fatto la chiave” dichiara lo scienziato. Da diversi anni collaboriamo con il prof. Rolf Hilgenfeld dell’Università di Lubecca in Germania. All’inizio di febbraio di quest’anno, ogni volta che il prof. Hilgenfeld ha ottenuto l’enzima – coronavirus SARS-CoV-2 proteasi – lo ha portato a Breslavia. Aggiunge che la proteasi dell’attuale virus SARS-Cov2 è molto simile alla proteasi del virus SARS-CoV (dal 2002), su cui ha lavorato il prof. Hilgenfeld. La pubblicazione (con i risultati della ricerca) del team del prof. Drąg è ancora in fase di revisione, ma il suo team ha già messo gratuitamente a disposizione dei ricercatori di tutto il mondo i suoi risultati. Questi studi mostrano a quali aminoacidi l’enzima può legarsi in posizioni chiave. Aggiunge che questi test possono ora essere utilizzati anche dai chimici o dalle aziende per creare nuovi composti bioattivi per la SARS-CoV2, e persino dalle aziende per sviluppare test diagnostici che consentirebbero loro di determinare rapidamente se qualcuno ha un coronavirus. I ricercatori di Breslavia hanno potuto svolgere le loro ricerche così rapidamente grazie al fatto che il prof. Drąg ha sviluppato in precedenza una nuova piattaforma tecnologica che consente la produzione di composti biologicamente attivi, in particolare di inibitori degli enzimi proteolitici.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano