Chiudono le università

0
428

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Ieri il rettore dell’Università di Varsavia, Maciej Pałys, ha emesso un’ordinanza per prevenire la diffusione del virus COVID-19. Da oggi 11 marzo fino al 14 aprile 2020 le lezioni per studenti, dottorandi ecc. sono annullate (questo non vale per le lezioni condotte in streaming). Anche la biblioteca universitaria sarà chiusa. Entro il 20 marzo i responsabili delle unità didattiche devono annunciare l’elenco delle classi e delle lezioni che si terranno online. Anche gli eventi aperti come simposi e le conferenze sono cancellati fino al 30 aprile. Fino alla fine di aprile sono stati sospesi anche i viaggi di lavoro all’estero e la partecipazione a conferenze di dipendenti nazionali, dottorandi o studenti. Sono stati sospesi gli arrivi di ospiti stranieri all’Università di Varsavia e l’alloggio di nuove persone nelle case dello studente e in altre strutture dell’Università. Maciej Pałys ha comunicato anche che, chi studia o insegna, deve avvisare l’università se è affetto da coronavirus o se si è in quarantena. Il Rettore raccomanda di utilizzare la corrispondenza via e-mail e i contatti telefonici per le comunicazioni all’interno dell’università e di limitare i contatti diretti. L’Università di Varsavia non e’ l’unica universita’ che sta cambiando i suoi piani in relazione all’epidemia. La Scuola di Economia di Varsavia sta cambiando la formula della sua giornata primaverile di porte aperte, che si terrà il 14 marzo ma online. A sua volta, l’Accademia del Teatro (A. Zelwerowicz) di Varsavia ha deciso di annullare i giorni di apertura. Non ci saranno inoltre una serie di spettacoli di “Buona Serata AT” in programma dal 13 al 15 marzo. I dettagli sulla chiusura delle università polacche si possono trovare sui relativi siti web istituzionali.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano