La Polonia ha ricevuto 660 milioni di euro nel programma dell’EU Orizzonte 2020

0
112

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Orizzonte 2020 è il programma quadro dell’UE per la ricerca e l’innovazione. Il suo bilancio nel 2014-2020 ammonta a oltre 77 miliardi di EUR. Gli scienziati partecipanti sono responsabili di tante importanti scoperte, come i pianeti extrasolari, il bosone di Higgs e le onde gravitazionali. Il prossimo programma è già stato preparato per gli anni 2021-2027, per il quale sono stati stanziati circa 90 miliardi di euro. Quest’anno, la Polonia ha ottenuto 660 milioni di euro nell’ambito del programma, il 65% in più rispetto al periodo corrispondente della precedente edizione 2007-2013. Nonostante ciò, Zygmunt Krasiński, direttore del Punto di Contatto Nazionale per i Programmi di Ricerca dell’Unione Europea, ritiene che i soldi siano ancora insoddisfacenti. Come sottolinea, “Abbiamo ottenuto l’1,2% da Orizzonte 2020 e abbiamo aggiunto il 3% all’intero bilancio dell’UE. Tuttavia, questa tendenza sfavorevole, è compensata nell’equilibrio finanziario complessivo dell’UE. Non dimentichiamo che riceviamo ancora molto di più dall’UE di quanto mettiamo, poiché siamo un beneficiario netto della politica di coesione. L’analisi mostra che le piccole e medie imprese hanno ricevuto di più delle sovvenzioni e, quando si tratta di istituzioni scientifiche, l’Università di Varsavia ha ottenuto la maggior parte dei soldi per lo sviluppo della ricerca e dell’innovazione, quasi 32 milioni di euro. Poi c’è l’Istituto di Chimica Bioorganica dell’Accademia Polacca delle Scienze con oltre 31 milioni di EUR e al terzo posto il Centro Scientifico Nazionale, che ha ottenuto oltre 19 milioni di EUR. Anche il numero di organizzazioni polacche che utilizzano il bilancio dell’UE per la ricerca e l’innovazione è aumentato. Nel 2007-2013, 547 le organizzazioni hanno beneficiato del programma, quest’anno 832. Il leader polacco in termini dei finanziamenti ottenuti nel programma Horizon 2020 è FundingBox, che ha ricevuto circa 59 milioni di euro. FundingBox è un fondo che aiuta a sviluppare le start-up e le iniziative di ricerca di tutta Europa. Secondo l’analisi, gli importi maggiori sono stati ottenuti da istituti scientifici e di ricerca e università ed è di circa 372 milioni di euro, il maggior numero di richieste di cofinanziamento dei propri progetti è stato presentato dal settore privato, che ha ottenuto oltre 172 milioni di euro, e tra questi il settore delle piccole e medie imprese da il risultato di 116,11 milioni di euro, ovvero il doppio rispetto agli anni 2007-2013. Le grandi aziende, tuttavia, hanno perso conto, nonostante abbiano ottenuto la metà di fondi in più rispetto alla precedente edizione dei programmi quadro, ed quest’anno era di 56 milioni di euro. Secondo Katarzyna Walczyk-Matuszyk, il risultato migliore nell’ottenere fondi è la conseguenza di modifiche al sistema, modifiche ai regolamenti riguardanti la valutazione delle unità di ricerca polacche e l’introduzione di un meccanismo che collega i programmi dell’UE con i programmi nazionali. Uno dei maggiori successi finanziari del programma Orizzonte 2020 è il risultato del secondo concorso Teaming for Excellence, che mira a creare centri internazionali di ricerca e innovazione in consorzi di paesi con tassi più bassi di eccellenza scientifica con i principali istituti di ricerca in Europa. Tali consorzi sono stati creati dall’Accademia di Estrazione Mineraria e Metallurgia di Cracovia, dall’Istituto di Tecnologia dei Materiali Elettronici Rete di Ricerca Łukasiewicz e dal Centro Nazionale per la Ricerca Nucleare. La Polonia, invece, aspira ancora alla “lega dei campioni innovativa”, ma la sfida è troppo poca l’attività di università e accademici. Nell’ambito del programma Orizzonte 2020, c’è ancora 1 miliardo di euro da distribuire nell’ambito del concorso Green Deal europeo, che è una sovvenzione per le migliori idee per le innovazioni tecnologiche e sociali relative a clima, trasporti, energia, edilizia, agricoltura e biodiversità.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano