La protesta del settore della ristorazione a Cracovia il 28 X

0
73
Fonte: https://www.facebook.com/events/1049859112110974/

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Dato il comportamento del governo polacco nei confronti del settore della ristorazione, siamo stati costretti ad uscire per combattere per salvare le nostre aziende. Pertanto, a Cracovia il 28 ottobre di quest’anno si svolge una protesta del settore della ristorazione.

Da aprile a settembre 2020, dal mercato sono sparite 2055 aziende di ristorazione. Tutto a causa del fatto che non abbiamo ricevuto alcun aiuto dal governo. Quasi 4,5 migliaia di aziende hanno già sospeso le loro attività, e entro la fine dell’anno questa cifra raggiungerà 7 mila. I debiti del settore della ristorazione sono attualmente pari a 700 milioni di zloty. Il numero stimato delle attività sospese nel settore HoReCa [alberghi, ristoranti, catering – ndr] entro la fine del 2020 potrebbe raggiungere 20 mila, di cui nel solo settore della ristorazione 7 mila, che potrebbe inoltre costituire circa il 10 per cento di tutte le aziende sul mercato. Di sicuro alcune di loro non riapriranno mai più e saranno chiuse definitivamente.

Nei ristoranti stessi (28% dell’intero settore) può perdere il lavoro fino a 200 mila persone. Ciò è direttamente correlato alla crisi tra i fornitori di cibo e l’industria alberghiera.

Come calcolato dal Consiglio Straordinario Della Gastronomia Polacca (Sztab Kryzysowy Polskiej Gastronomii), la gastronomia nazionale è più di 76.000 istituzioni che generano circa 37 miliardi di zloty del PIL nazionale.

Fonte: https://www.facebook.com/events/1049859112110974/

Richiediamo un vero aiuto. Esecuzione di prestiti a basso reddito (1, 2-1, 5% annuo) dalla Banca dell’Economia Nazionale stabilendo nel contempo i criteri a livello reale. La richiesta di nessuna perdita è inaccettabile. Perché tutti noi da marzo 2020 generiamo solo perdite. La soluzione proposta dal governo polacco è una commedia, perché l’esenzione fiscale una tantum a novembre 2020, che poi bisogna pagare a dicembre, non ci dà nulla. 5.000 zloty di mutuo non rimborsabile per le micro imprese è ridicolo. Non sarà un problema per i ristoratori dimostrare le perdite al 40% da ottobre 2019 a ottobre 2020 perché le nostre perdite sono al livello del 90%.

Chiediamo un tasso fisso e unico di IVA-8% su tutti i prodotti e servizi nel settore della ristorazione dal 01.11.2020. Chiediamo “Scudo Anti-crisi per la Gastronomia Polacca” sul modello di scudo anti-crisi per il turismo. In conformità alla legge del 17 settembre 2020 sul cambio della legge sulle disposizioni speciali per la prevenzione e la lotta contro il COVID-19 tra cui:

  • istituzione di un Fondo di Garanzia per il Settore della Ristorazione nell’ambito dello Scudo, per i creditori, in particolare per i proprietari di immobili
  • garanzia per le banche ed i prestiti senza interessi per la gastronomia
  • garanzia per i clienti che pagano in anticipo per eventi di gruppo nei locali
  • l’annullamento dell’obbligo di rimborso delle sovvenzioni del Fondo di Sviluppo Polacco
  • contributi sociali preferenziali per chi lavora nella gastronomia.

Evento su Facebook: Protest Krakowskiej Gastronomii

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco