412328393-nutella_2022_nkp_gazetta-italia_baner-www
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
banner Gazzetta Italia_1068x155
Trattoria Flaminia baner_popr
Baner 1068x155_FINAŁ

Home Gazzetta Italia Cartaceo Gazzetta Italia 63 (cartaceo)

Gazzetta Italia 63 (cartaceo)

2.25

Esaurito

Descrizione

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Prima di acquistare i numeri d’archivio, si prega di contattare la redazione via e-mail negozio@gazzettaitalia.pl per verificarne nuovamente la disponibilità. La redazione si riserva il diritto di rifiutare la vendita di un determinato numero d’archivio, anche se questo è elencato come prodotto da acquistare.

La nuova Gazzetta Italia contiene una sorta di bellissimo Grand Tour italiano, ben sintetizzato dalla divertente copertina firmata dal noto disegnatore Luca Laca Montagliani che ha magnificamente interpretato lo spirito della vacanza italiana. In questo 63° numero troviamo un virtuale giro del Bel Paese tra personaggi e peculiarità napoletane, percorsi alternativi a Roma, le spiagge del profondo Salento, i divertimenti estivi di Jesolo e la presentazione di due magnifici musei “Il Vittoriale degli Italiani”, un tempo dimora di Gabriele D’Annunzio, e la Collezione Peggy Guggenheim affacciata sul Canal Grande a Venezia. “Sulle orme dei Cavalieri Teutonici” è invece un articolo che invita alla scoperta di un’area naturalisticamente e storicamente straordinaria della Polonia, quella lunga striscia di terra che va da Danzica all’Oblast di Kaliningrad, tra la Pomerania e la Varmia-Masuria. L’intervista a Paolo Gesumunno e Gennaro Canfora impreziosisce questo numero di un interessante spaccato della storia recente della Polonia raccontato da due veterani delle relazioni italo-polacche. E poi ancora troverete l’avventura dell’artista Levittoux “Impugnando il pennello, la mia vita nel cuore verde d’Italia”, e il successo della cracoviana Aaliyah Navras, al secolo Anna Pelc, all’ultimo concorso Arte Laguna. Insomma un numero imperdibile di Gazzetta in cui naturalmente non mancano le tradizionali rubriche dedicate a lingua, cucina, storia e vino oltre agli appuntamenti degli Istituti Italiani di Cultura di Varsavia e Cracovia.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco