Sottosegretario Scalfarotto a Varsavia: tra Italia e Polonia c’è un rapporto storico che va coltivato

0
98
edf

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Fra Italia e Polonia esiste un rapporto storico che va coltivato. Lo ha affermato il sottosegretario agli Esteri Ivan Scalfarotto, parlando con “Agenzia Nova” oggi a Varsavia. “Parliamo di 23 miliardi di interscambio pre-Covid, numeri molto importanti” che fanno della Polonia “uno dei principali mercati e partner per l’Italia, visto anche il dinamismo di questa economia”, ha detto Scalfarotto. Nel contesto del dialogo bilaterale, “infrastrutture e transizione energetica sono al centro dell’attenzione”, perché sono prioritari per il governo polacco ma anche per l’interesse delle aziende italiane, “particolarmente capaci nei due settori”. “Parteciperemo alle gare d’appalto che verranno lanciate, per la costruzione delle strade e delle ferrovie e per aiutarle nella transizione energetica. Siamo ben piazzati nell’ambito delle fonti rinnovabili, abbiamo esperienza tecnologica e organizzativa, ci sono buone prospettive per lavorare insieme”, ha rilevato ancora Scalfarotto. Il sottosegretario ha proseguito spiegando che le prospettive di questo dialogo bilaterale “sono molto importanti: l’ambasciatore Aldo Amati sta facendo un eccellente lavoro, i rappresentanti della comunità imprenditoriale confermano l’intenzione di continuare a investire” in Polonia. “Lavoriamo con il governo polacco per risolvere qualche questione che abbiamo sul tavolo, ma in un’atmosfera di grande collaborazione, apertura e franchezza”, ha concluso Scalfarotto.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano