Sperimentazioni di cure anti-Covid con l’amantadina

0
147
Tabletki

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Il portavoce del Ministero della Salute, Wojciech Andrusiewicz, ha informato ieri in un’intervista a Radio Plus che sono iniziate le sperimentazioni cliniche con amantadina per il trattamento del COVID-19, perché alcuni medici “stanno cercando di introdurre la terapia con amantadina”, sebbene non ci siano dati affidabili nel mondo per quanto riguarda il suo impatto sul COVID-19. Secondo Adrusiewicz, in Polonia c’è la convinzione che la ricerca sull’amantadina dovrebbe essere attuata con forza il prima possibile, ma questo non è un farmaco miracoloso, perché i decessi avvengono anche assumendo questa medicina. Alla fine di marzo, il capo del Dipartimento e della Clinica di Neurologia dell’Università di Medicina di Lublino, il professore medico abilitato, Konrad Rejdak, ha detto a Radio Zet che circa 200 persone d’età superiore ai 18 anni avrebbero preso parte a studi clinici. L’amantadina è stata ampiamente utilizzata nella prevenzione e nel trattamento dell’influenza virale A nel 1996-2009. Ora è utilizzata come farmaco neurologico e somministrata a pazienti con malattia di Parkinson o sclerosi multipla. Gli studi clinici che saranno avviati in sette centri a livello nazionale verificheranno se il farmaco può essere utile nel trattamento del COVID-19.

https://www.pap.pl/aktualnosci/news%2C846656%2Candrusiewicz-rozpoczely-sie-badania-kliniczne-amantadyny.html

Quest'articolo è disponibile in: Italiano