Carpe diem, la storia di una polacca che è andata in vacanza… e non è più tornata!

0
156

foto: Anna Białkowska

Quando si parte per la Sicilia in auto, non si può essere sicuri di arrivare e non si sa nemmeno se si tornerà da una tale vacanza. E quindi scopriamo la storia di un viaggio pieno di sorprese: da un guasto alla macchina in Germania, a una serie di decisioni spontanee, alla gestione del vostro business online e al lavoro nelle fattorie ecologiche italiane. Si parlerà di coraggio e di ricerca della libertà, del sostegno della famiglia e degli amici e della scoperta della bellezza di una vita semplice nella campagna italiana. Anna Ewa ha condiviso con noi le sue esperienze di wwoofing e i suoi sogni di un luogo comune per i nomadi digitali. La sua storia ispira ad andare oltre la routine e a godersi la vita “giorno per giorno”.

Sei andata in vacanza… e non sei tornata! È così che dovremmo iniziare questa intervista?

È proprio così! L’anno scorso, alla fine di giugno, ho deciso di andare e tornare dalla Sicilia con la mia auto. Avevo qualche migliaio di zloty da parte, avevo preparato l’auto in modo sicuro e avevo programmato di dormire nei campeggi promettendo di tornare a settembre. Ho avvisato i miei clienti che nelle prossime settimane avrei lavorato a distanza per loro e sono partita per la Germania… senza un piano. Evviva l’avventura!

Cosa è andato “storto”?

Può essere difficile da credere, ma già nella prima settimana del mio viaggio avevo problemi con l’auto! Come potete immaginare, la battaglia con l’assistenza autorizzata tedesca è durata molte settimane e sono stata costretta ad accamparmi. A quel punto avevo già capito l’importanza dell’accesso WiFi: nel corso di un mese e mezzo avevo speso quasi 1.000 zloty solo per il roaming! Sono state settimane difficili, in cui lottavo contro la delusione e la perdita di motivazione. Tuttavia, quando l’auto era pronta, a metà agosto, ho deciso che non avrei mollato e sono partita senza un piano concreto per il mio ritorno.

E l’appartamento, la famiglia, gli amici e i clienti? Come hanno reagito?

A luglio, preoccupata per i costi e per il lungo viaggio, ho disdetto l’affitto dell’appartamento a Varsavia. Tutte le mie cose sono state impacchettate da mio fratello in un magazzino. Si potrebbe dire che questo è stato il primo passo per vivere in movimento e diventare un vero nomade digitale! Da allora, ho provato una sensazione di leggerezza e libertà e ho persino iniziato a sentirmi a mio agio con il solo bagaglio della mia auto. Ammiro molto le persone che viaggiano solo con uno zaino, ma io non sono ancora a quel punto. Avevo molta paura di parlare a mio padre dell’idea, ma quando ha visto quanto ero felice di essere fuori città, senza un piano e in pace con me stessa, è diventato per me un grande sostegno. E gli amici? Hanno sempre saputo che avevo difficoltà a stare ferma! Molti di loro hanno scritto che ero avventurosa e hanno seguito le mie avventure su Instagram. Siamo sempre in contatto. Per quanto riguarda il lavoro, ancora oggi collaboro con alcuni clienti e vengo a trovarli quando sono a Varsavia. Credo che la cosa più difficile per me non sia stata misurarmi con le aspettative degli altri, ma con le mie stesse paure, la solitudine e la risposta alla domanda: “Cosa sto facendo con la mia vita?”.

Cosa ti ha motivato all’inizio del tuo percorso?

All’epoca ero una ambasciatrice del programma Skills for Tomorrow di Google. Gli spettacoli dal vivo organizzati con me sono stati seguiti da diverse migliaia di giovani! Naturalmente, oltre al sostegno della famiglia e degli amici, sono stati questi “caffè della domenica” a darmi la motivazione più forte. Nel giro di poco tempo, sul mio profilo Instagram (glinda.molinda) c’erano giovani che si ispiravano alla mia storia: volevano imparare il marketing online e avere la possibilità di vivere una vita e avventure simili. Nel mio caso, il fattore chiave è stato che, pur avendo studiato geografia, lavoravo nel marketing da diversi anni e avevo già le competenze per gestire la mia attività anche dall’estero.

In estate hai vissuto in tenda, poi hai trovato un bnb già in Italia. Ma non è tutto?

Esattamente! Dopo essere arrivata in Italia, sono finita in un luogo dimenticato dai turisti: le pittoresche colline della Val Tidone, vicino a Piacenza. Qui ho vissuto tante avventure ed è senza dubbio materiale per un libro in stile “Mangia, prega e ama!”. Ho alloggiato in un antico bnb in pietra fino alla fine dell’anno e poi mi sono spostata in Trentino e sui monti Lessini, scegliendo ogni volta camere molto, molto economiche in bnb insoliti (350-450 euro al mese). Durante l’inverno, ho iniziato a ricordare i bei tempi della Val Tidone, quando aiutavo una famiglia italiana che avevo conosciuto qui con la vendemmia. Sempre in quel periodo, uno dei miei nuovi clienti era una coppia che gestiva un’azienda agricola di permacultura e insegnava a costruire comunità. Tutti questi temi erano sempre più con me. Volevo trascorrere le mie giornate nella natura, muovermi di più e imparare nuove abilità, ma anche avere il tempo per gestire la mia attività. È stato allora che ho deciso di diventare un wwoofer!

Cosa comporta questo lavoro e quali sono le attitudini necessarie per svolgerlo?

Si può descrivere più semplicemente come eco-volontariato. In cambio di 4-5 ore di lavoro al giorno nelle fattorie, si riceve vitto e alloggio. Tutte le eco-fattorie italiane possono essere consultate sulla piattaforma wwoof.it, basta candidarsi nella data prescelta e concordare i dettagli. Finora ho fatto quattro viaggi di volontariato di diverse settimane. Ho raccolto lavanda, dato da mangiare alle capre, piantato lattuga, lignificato pomodori, piantato un nuovo vigneto, lavato piatti in un ristorante, diserbato aiuole, innaffiato fiori, fatto creme per il corpo, liquori di ciliegie e marmellate di ribes, ma anche pulito, cucinato e, quando potevo, ho preparato “pane polacco” e fatto i pierogi! Dedicavo alla fattoria le mattine e lavoravo “per conto mio” la maggior parte dei pomeriggi e delle sere. Devo ammettere che questo non è idilliaco, soprattutto a lungo termine. La considero anche una strada accidentata e a volte difficile, ma è la migliore e più veloce per scoprire se stessi.

Qual è la cosa più speciale che hai scoperto in Italia?

Per me la cosa più importante è sempre stata conoscere la “vera” vita italiana. Vado raramente nelle grandi città ed evito consapevolmente le attrazioni turistiche. Sono stata a Milano, Venezia, Verona, Genova e Bologna, ma sono la campagna italiana e le piccole città ad avermi rubato il cuore. Non riesco ancora a fare a meno del Nord Italia! Solo a ottobre visiterò l’Umbria, come contadina che raccoglie olive! Sul mio Instagram mostro le bellezze naturali, ovviamente italiane, il cibo locale e le meraviglie turistiche, ma anche quelle di tutti i giorni, come le albe, gli edifici antichi, i negozietti o i gatti. Contrariamente a quanto pensano i miei amici, non mi sento in vacanza permanente, ma al contrario. Cerco di concentrarmi sui piaceri di una vita semplice e di notare tutti i momenti che compongono una storia colorata e autentica. Ogni giorno con gratitudine, ma non senza preoccupazioni.

Qualche consiglio per i nomadi digitali in erba?

È bene essere realisti. Non tutti i nomadi digitali lavorano da un’amaca. Pensate a voi stessi: avete bisogno di un posto dove collegare il caricabatterie, e quando lavorate per diverse ore avete bisogno di un tavolo o di una sedia. È anche importante che ci sia ombra, in modo da poter vedere tutto ciò che appare sullo schermo, e che ci sia silenzio: in una fattoria stavo lavorando a un tavolo in un ristorante, e poco prima della mia chiamata, quando avevo già sistemato la struttura e collegato tutto, il figlio del padrone di casa e i suoi amici hanno iniziato a suonare la batteria. La chiave, ovviamente, è internet. Finora mi sono affidata a luoghi con accesso a internet o al roaming. È bene tenere presente che, per gli italiani, l’accesso a Internet non implica necessariamente un’ottima velocità e una connessione costante.

Quali obiettivi hai per i prossimi mesi? Vorresti rimanere stabilmente in Italia?

Sono costantemente alla ricerca di progetti interessanti al confine tra community building, eco-agricoltura e turismo. Di recente, ho persino scritto a WWOOF Italia, offrendo la mia consulenza in materia di marketing e promozione rivolta a persone provenienti dall’estero. D’altra parte sono tentata di vedere come funziona il wwoofing in Irlanda, Scozia o Norvegia. Mi piacerebbe partecipare alla costruzione di co-working e co-living nel nord Italia. Da qualche parte in montagna, non lontano da una grande città, in una vecchia casa di pietra, con un orto, una grande cucina, un cortile ombreggiato, camere modeste e, naturalmente, una buona rete internet.