Charity Bazaar e rifugiati ucraini a Łowicz, il grande cuore degli Italiani in Polonia

0
153

È stato un generoso weekend prenatalizio all’insegna della beneficenza. Ieri nel palazzetto Torwar a Varsavia si è svolto il tradizionale Charity Bazaar organizzato dallo SHOM (Association of the Spouses of Heads of Mission in Warsaw), con il patrocinio della First Lady Sig.ra Agata Kornhauser-Duda, e giunto alla XVI edizione. Grandissimo il successo dello stand preparato dall’Ambasciata Italiana che ha portato ad una importante raccolta di fondi, una delle migliori degli ultimi anni, il cui dettaglio sarà reso noto nei prossimi giorni. Uno stand vivace, ricco di prodotti di qualità offerti dalle tantissime aziende italiane che hanno partecipato all’iniziativa caritatevole, che si è giovato del contributo di una trentina di volontari tra cui membri del COMITES e del Lions Club Warszawa Centrum. Uno stand nazionale supportato dall’ambasciatore in persona, Luca Franchetti Pardo con la moglie Marta Azevedo le cui crostate di marmellata sono andate a ruba insieme a buon espresso.

Un weekend di beneficenza iniziato il sabato con la visita a Lowicz dell’Ambasciatore Luca Franchetti Pardo con la moglie Marta per incontrare le donne e i bambini ucraini che hanno trovato rifugio e lavoro grazie alla generosa iniziativa dell’imprenditore italiano Umberto Magrini che ha messo a disposizione una struttura ricettiva col tempo dotata di scuola di musica, spazi di ricreazione, biblioteca ed ora anche arricchita da una graditissima macchina per lo zucchero filato regalata dall’ambasciatore e dalla moglie, insieme ai pacchi natalizi distribuiti sabato a tutti i bambini. Una iniziativa di assistenza straordinaria quella di Lowicz resa possibile anche dal supporto di AVSI Polonia, sabato scorso presente con il suo presidente Donato Di Gilio, e del Lions Club Warszawa Centrum rappresentato da Francesco Paolo Montefusco e Domenico di Bisceglie.