Dottore di Przemyśl avrebbe guarito 100 pazienti dal Covid-19 usando l’amantadina

0
559

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

La Commissione europea esamina il caso dei pazienti del dottore Włodzimierz Bodnar nella città di Przemyśl. Il dottore ha usato un farmaco antivirale, registrato tanto tempo fa, per curare i suoi pazienti malati di coronavirus e dice che grazie al farmaco li ha guariti. Si tratta dell’amantadina, un farmaco usato per prevenire alcuni tipi di influenza. Finora la medicina non è stata raccomandata per curare il Covid-19, le analisi sulla sua efficacia erano state condotte in Messico con pochi pazienti. Il dottor Bodnar ha 59 anni, lavora in un ambulatorio di Przemyśl ed è specializzato nelle malattie polmonari e nella pediatria. Una settimana fa ha descritto che aveva cominciato a trattare i pazienti con un farmaco che si chiama Viregyt K e contiene l’amantadina. Aveva provato ad incuriosire il Ministero della Salute, ma visto che non hanno reagito, ha pubblicato la sua ricerca sul suo sito web con il titolo “Si può curare il Covid-19 in 48 ore”. La pubblicazione ha sconvolto i medici che dicevano che l’amantadina era un farmaco antiquato che non sarebbe mai in grado di curare il coronavirus. Il farmaco è diventato uno dei prodotti più ricercati nelle farmacie polacche, anche se i farmacisti avvertono di non prenderlo senza una consultazione medica, visto che i suoi effetti collaterali sono molto pericolosi. Il dottor Bodnar ha dovuto smettere di curare i pazienti con il farmaco perché l’amantadina non è ufficialmente un metodo del trattamento del Covid-19. “Nonostante questo io continuerò a curare con il farmaco i 60 pazienti che hanno già cominciato a prenderlo. Loro guariscono molto presto, non posso lasciarli da soli. Ma visto che c’è un procedimento disciplinare aperto nei miei confronti, posso perdere la mia licenza medica se uno dei pazienti soffrirà di qualsiasi complicazione. Ho fatto tutto questo con la convinzione di usare una medicina che non è ancora ufficialmente usata per curare il Covid-19 ma che può salvare la vita e la salute della gente”, ha detto il dottor Bodnar.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano