I centri Amazon funzionano come se non fosse successo nulla, la contrarietà dei sindacati

0
428

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

I magazzini di Amazon, ognuno con diverse migliaia di dipendenti, lavorano a pieno regime. I sindacati fanno notare che la situazione è in contrasto con le norme contro il contagio da coronavirus. Ieri i sindacati che operano congiuntamente nei locali di Amazon Fulfillment Poland hanno presentato una lettera ai rispettivi voivodati (łódzkiego, dolnośląskiego, zachodniopomorskiego, śląskiego i wielkopolskiego) chiedendo un intervento per la chiusura dei magazzini. Il magazzino lavora 7 giorni su 7. Impiega giovani (che possono essere portatori), persone di mezza età e anziani (compresi i pensionati) che sono esposti ai tragici effetti di COVID-19. La stragrande maggioranza dei dipendenti viene portata a bordo di autobus per i dipendenti, dove viaggiano fino a due ore in una direzione, il che sottolinea ulteriormente la portata della minaccia e il suo raggio d’azione territoriale. Natalia Skowrońska di OZZ Employee Initiative di Amazon ha osservato in un comunicato che i magazzini polacchi di Amazon servono un piccolo numero di clienti polacchi e sono focalizzati principalmente sul mercato tedesco, il che significa che la loro attività non ha alcun impatto sulla fornitura di prodotti di base ai polacchi. Cosa dice Amazon? “Siamo un’azienda responsabile che mette al primo posto la sicurezza dei suoi dipendenti, partner e clienti. Abbiamo introdotto una serie di soluzioni e misure preventive in tutti i settori della nostra attività per gestire correttamente la situazione”. La settimana scorsa Amazon americana permetteva ai dipendenti di prendere giorni di malattia illimitati. Tuttavia, non saranno pagati per questo tempo a meno che i medici non confermino l’infezione da coronavirus.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano