Il 58% dei polacchi non farà le vacanze

0
107

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Secondo la ricerca dell’Istituto economico polacco tre quarti dei polacchi valutano positivamente la situazione della propria famiglia. Il 54% dichiara che la pandemia non ha avuto un impatto sulla loro situazione finanziaria, ma allo stesso tempo il 58% degli intervistati ritiene che nel corso del prossimo trimestre non sarà in grado di mettere da parte i soldi guadagnati. La ricerca mostra anche che aumentano i costi dei bisogni di base. La metà degli intervistati dichiara l’aumento dei prezzi alimentari, il 44% indica l’aumento delle spese per la manutenzione degli appartamenti. I polacchi spendono meno per la cultura, la ricreazione, i viaggi, i ristoranti, gli alberghi e per i carburanti. Il 58% dei polacchi non ha intenzione di fare le vacanze, il 42% vorrebbe farle ma il 32% di loro organizzerà le vacanze in Polonia e solo il 6% vorrebbe viaggiare all’estero. I polacchi sono divisi sulla valutazione della situazione economica del paese. Un atteggiamento positivo (il 36%) lo hanno gli uomini (il 38%), le persone di età superiore a 60 anni (il 49%), gli intervistati con l’istruzione di base (il 48%) e gli abitanti dei villaggi e delle città piccole (il 39%). Le donne, le persone sotto i 40 anni, gli intervistati con un’istruzione universitaria e gli abitanti delle città più grandi valutano la situazione economica della Polonia come negativa. Il peggioramento della situazione economica la dichiarano più spesso le donne (il 57%), le persone con un’istruzione universitaria (il 39%) e gli abitanti delle città grandi (il 41%).

Quest'articolo è disponibile in: Italiano