Il settore turismo chiede via libera a riaperture per il ponte di maggio

0
103

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Marcin Mączyński, segretario generale della Camera di commercio dell’industria alberghiera polacca, ha riassunto l’anno in corso e l’anno scorso come persi per l’industria alberghiera. C’è però la possibilità di generare entrate durante il lungo fine settimana di maggio, ma il governo ha bisogno di una decisione anticipata per revocare le restrizioni prima della fine di aprile. Come ha sottolineato, sono molti i punti interrogativi sui prossimi mesi o sulla situazione nella seconda metà dell’anno. “Tutto indica che la terza ondata d’epidemia si fermerà presto ed il programma di vaccinazione accelererà in modo significativo. “Non riesco ad immaginare una situazione in cui durante le vacanze le strutture avranno limiti od altre restrizioni pretestuose sulle loro attività”, ha detto. Maczynski ha aggiunto che gli hotel sono completamente preparati a fornire servizi in regime sanitario ed i ristoranti degli hotel sono pronti per essere aperti in sicurezza. Mączyński spera che il traffico turistico inizi a pieno ritmo a giugno. “Ne abbiamo tutti bisogno: industria e visitatori”, ha osservato ed ha aggiunto che la Camera di Commercio e dell’Industria alberghiera polacca richiede una rapida attuazione di soluzioni d’aiuto e condizioni ragionevoli per questo aiuto. “Chiediamo anche l’abbandono della tassa sul sussidio annullato nell’ambito dello scudo PFR 1.0, perché gli albergatori non hanno i mezzi per pagare un tale prelievo, poiché le loro aziende portano perdite mese dopo mese”, ha sottolineato l’esperto. A causa dello sviluppo dell’epidemia, dal 20 marzo al 9 aprile di quest’anno, gli hotel in tutto il paese rimangono chiusi (ad eccezione degli hotel dei lavoratori, nonché degli hotel per i medici, gli autotrasportatori o i soldati). Rimangono chiusi, tra gli altri ristoranti (possibile solo asporto), cinema, palestre, fitness club, piste da sci, piscine, saune e solarium.

https://www.pap.pl/aktualnosci/news%2C846299%2Cdla-turystyki-wielkanoc-jest-stracona-ale-majowka-z-szansa-na-przychody

Quest'articolo è disponibile in: Italiano