La cucina polacca in Italia?

0
64

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Vi siete mai chiesti quanto sia popolare la cucina polacca in Italia? Se agli italiani piace il nostro cibo? Vivendo attualmente a Roma, mi è venuta voglia di mangiare il nostro cibo polacco. Ero sicura che in questa fantastica capitale italiana così cosmopolita avrei trovato un posto dove poter gustare il cibo polacco fatto in casa. E l’ho trovato.

Il ristorante polacco ”Bajka” situato a Roma in Largo Andrea Barbazza 32/33, con mia grande sorpresa, si è rivelato essere l’unico ristorante in tutta Italia dove si può gustare la cucina polacca. Quindi non potevo perdere l’occasione. Sono andata dalla signora Anna di Kraśnik e dal signor Adam, nato a Częstochowa, i proprietari del ristorante, che da quattro anni invitano con successo gli italiani a provare i gusti polacchi.

Cominciamo dall’inizio, siete una coppia di amici, come vi siete conosciuti e quando è cominciata la vostra avventura in Italia?

Ad essere onesti, l’Italia è stata un caso. Venticinque anni fa, sono venuto a Roma per lavorare durante le vacanze e ci sono rimasto. All’epoca studiavo marketing in Polonia e allo stesso tempo lavoravo da McDonald’s, ma i miei guadagni e il clima italiano mi hanno assorbito così tanto che ho deciso di trasferirmi definitivamente. A quel tempo, era molto bello vivere in Italia, era facile trovare un lavoro e tornando in Polonia con le lire ci si poteva permettere molto. La storia di Ania è simile. Negli anni ’90 è partita con un coro per una vacanza romana e si è innamorata della città. La sua amica che vive nella capitale italiana l’ha convinta a restare. Ania ed io avevamo la stessa passione e ci siamo incontrati qualche anno fa in un gruppo di appassionati di moto. Fin dall’infanzia desideravo avere una moto, vivendo qui il mio sogno si e realizzato.

Com’è nata l’idea di aprire un ristorante?

L’idea è nata più di quattro anni fa, quando un giorno Anna ed io volevamo mangiare qualcosa di polacco. Non avevamo voglia di cucinare, quindi abbiamo deciso di mangiare fuori. Alla fine non siamo riusciti a trovare un posto a Roma dove servono la cucina polacca. Così abbiamo deciso di provare ad aprire il nostro ristorante. Volevamo ricreare il clima polacco e soprattutto recuperare i nostri gusti. I clienti spesso ci chiedono se troveranno qualcosa di italiano nel nostro menù, come il formaggio o le spezie italiane, ma noi rispondiamo di no. L’unica eccezione è il vino. Vogliamo che il nostro ristorante sia completamente associato alla cucina polacca. E credo che sia questo il motivo per cui tanti italiani amano questo posto.

Gestire il ristorante in due deve essere faticoso. Come condividete le vostre responsabilità?

Sapevamo che sarebbe stato duro, soprattutto all’inizio. Aprire una propria attività comporta sempre dei rischi. Abbiamo avuto coraggio e dopo quattro anni di attività, posso dire che ne è valsa la pena. Il ristorante è aperto ogni venerdì, sabato e domenica. Durante la settimana lavoriamo entrambi in altri luoghi, quindi non è facile. Sono i nostri clienti e le loro opinioni sul ristorante che ci danno una grande motivazione a continuare. Ogni fine settimana è pieno di prenotazioni e di ospiti. Ania è una grande cuoca, si occupa di tutto ciò che riguarda la preparazione dei piatti. Io mi occupo della sala, della cassa e intrattengo i clienti che spesso fanno domande sulla cucina polacca. Ma non è sempre stato tutto cosi bello. Due anni fa abbiamo avuto un periodo difficile e ci è venuto un momento di dubbio. Abbiamo anche pensato di chiudere il ristorante, il che fortunatamente non è avvenuto.

Chi sono i vostri clienti, sono polacchi in cerca di cibo fatto in casa, o piuttosto italiani?

La maggior parte dei nostri clienti, circa il 90%, sono italiani o coppie italo-polacche. La maggior parte di loro è già stata in Polonia e hanno cercano e gradiscono la cucina tradizionale polacca, quindi sono felici di venire da noi. Abbiamo già molti clienti fissi che apprezzano l’atmosfera accogliente e familiare. Per le coppie polacco-italiane organizziamo spesso eventi familiari, come compleanni, onomastici o battesimi, dove gli italiani possono provare la vera atmosfera polacca. Ogni anno organizziamo anche il Natale e la vigilia di Natale, ovviamente servendo tradizionali piatti polacchi.

Quali sono i piatti più popolari e cosa pensano gli italiani della nostra cucina?

Prima di tutto, pierogi, ma anche gołąbki, bigos, schaby, aringhe marinate o salumi polacchi. Direi che non c’è piatto che non si venda. Serviamo anche piatti alla griglia e piatti vegetariani. Gli italiani possono anche assaggiare la birra polacca e la vodka. Recentemente abbiamo introdotto nel nostro menù lo stinco cotto nella birra al miele, che ha trovato i suoi ammiratori. D’altra parte, Ania con i suoi pierogi al formaggio ha ottenuto il secondo posto nella trasmissione televisiva italiana ”Cuochi italiani – Campionati del Mondo”, nel quale ha rappresentato la cucina polacca. Cosa pensano gli italiani della nostra cucina? Chi viene da noi per la prima volta si aspetta cibi grassi, difficili da digerire. È bello vedere come rimangono positivamente sorpresi. Cambiano completamente opinione e tornano da noi con piacere.

Sito web: Bajka Ristorante Polacco

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco