Lo stadio più bello in una città di mare!

0
983

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Danzica sarà la più affascinante meta di Euro 2012! Lo stadio più bello, le spiaggie d’oro, la risacca del mare e una città ricca di storia e piena di vita. A Danzica non ci si potrà annoiare, al termine delle partite, la città offrirà la giusta dose di emozioni e di intrattenimenti! L’ambra si trova in mare vero? È stran, però, perchè io l’ho trovata camminando lungo la via Pokole? Lechii Gda?sk. Un’ambra insolita, bellissima ed enorme! Sì, si tratta della PGE Arena Gda?sk. È un impianto sportivo nuovo di zecca, costato circa 775 milioni di z?oty (189 milioni di euro). Lo stadio affascina per l’aspetto non comune, con il caldo colore d’oro e per la forma simile ad un’ambra che richiama la storia di questa città portuale. L’enorme quantità di calcestruzzo e di acciaio e le 82 travi che sostengono la costruzione sono state coperte dai pannelli in policarbonato in sfumature d’oro. Tutto questo fa si che lo stadio sia fantastico durante il giorno e la notte, quando viene illuminato crea una visione mozzafiato. L’interno dello stadio è in grado di soddisfare i bisogni dei tifosi. Il campo è circondato da tribune capaci di 42 mila posti e per i tifosi più esigenti ci sono 50 logge VIP a disposizione. Grazie ad oltre venti punti gastronomici allo stadio di Danciza non manca l’offerta gastronomica. La prima partita alla PGE Arena Gda?sk è stata giocata il 14 agosto 2011, quando nell’ambito del terzo turno di Extra-League si sono sfidati Lechia Danzica e Cracovia con risultato finale: 1-1. La nazionale polacca ha debuttato nel nuovo impianto di Danzica il 6 settembre 2011 in uno scontro emozionante contro i tedeschi. I polacchi, dopo i gol di Lewandowski e B?aszczykowski, erano in vantaggio 2-1 sui tedeschi guidati da Joachim Löw e sono stati ad un passo da una storica vittoria, ma negli ultimi secondi dell’incontro la Germania è riuscita a pareggiare. Durante Euro 2012 nella PGE Arena giocheranno i migliori giocatori europei. Perfino tre volte nell’impianto di Danzica vedremo i campioni attuali del mondo e di Europa: gli spagnoli. Giocherà anche l’Italia campioni del mondo nel 2006 in Germania, gli irlandesi, guidati dall’esperto allenatore italiano Giovanni Trapattoni, e i croati, solamente in teoria la squadra più debole del gruppo C. Ognuna delle squadre soprannominate giocherà una partita. Inoltre a Danzica verrà giocato anche uno dei quarti del torneo. Euro a parte l’Arena di Danzica è lo stadio delle partite interne del Lechia Gda?sk. La squadra, fondata nel 1945, non vanta grandi successi. Tra i maggiori ci sono la vittoria della Coppa e della Supercoppa polacca nel 1983 quando Lechia era solamente una squadra di terza divisione. L’ottenimento della coppa nazionale ha acconsentito ai biancoverdi di partecipare al primo turno della Coppa delle Coppe nella stagione 1983/84. Comunque i giocatori di Danzica hanno rapidamente concluso la loro avventura in Europa perché hanno dovuto affrontare la grande Juventus, che a Torino ha sommerso il Lechia 7-0 e nel ritorno in Polonia ha vinto 3-2 con il gol vittoria segnato da Zbigniew Boniek. L’attuale allenatore del Lechia è l’ex selezionatore della nazionale polacca Pawe? Janas. I suoi giocatori, nella stagione T-mobile dell’Extraclasse conclusa poco fa, hanno ottenuto il 14° posto nella classifica, trovandosi tra gli ultimi posti. La squadra non ha mai vinto un campionato nazionale, ma vanta tifosi importanti come Lech Wa??sa e Donald Tusk. I Campionati Europei di Calcio non sono solamente football. È anche festa, divertimento e attrazioni per i tifosi polacchi e stranieri. Le autorità di Danzica si aspettano l’arrivo di una marea dei turisti perciò hanno preparato una marea di appuntamenti. Visti i suoi oltre mille anni di storia, la città è piena di monumenti. Malgrado la distruzione avvenuta durante la II Guerra Mondiale, la Città Vecchia è il luogo con il maggior valore architettonico nella regione. Il Municipio, la Corte di Artus e soprattutto la più grande chiesa in mattoni d’Europa, la basilica della Santa Vergine Maria, sono le mete da non perdere! Danzica offre ai visitatori un interessante itinerario turistico, conosciuto come Droga Królewska (Strada Reale), che corre da Brama Wy?ynna (Portone Wy?ynna) lungo la via D?uga, in cui si trova tra l’altro il palazzo di Uphagen, il palazzo Lwi Zamek e la Fontanna di Neptuno. Andando avanti troveremo una delle piazze più belle di Europa, D?ugi Targ, con il bellissimo palazzo Kamienica Z?ota. La via si conclude con Zielona Brama (Portone Verde) in cui attualmente si trova la sede del Museo Nazionale. Il luogo da non perdere per ogni turista è di sicuro il quartiere Oliwa, in cui troveremo un’abbazia cistercense che una volta ha respinto l’invasione svedese. Danzica è una città che ha giocato un ruolo importante nella strada verso la libertà. La città si è trovata spesso sotto il governo tedesco, ma poi tornava sempre all’interno dei confini polacchi. Due volte nella storia (negli anni 1807-1814 e 1920-1939) è stata una città-stato. Il 1 settembre 1939 Danzica, nella penisola Westerplatte, ha subito l’attacco della corazzata tedesca Schleswig-Holstein cedendo all’invasione tedesca. Oltre quarant’anni più tardi è stata Danzica a dare il segnale di lotta per tutta l’Europa Centrale e dell’Est contro il regime comunista con lo sciopero dei lavoratori del Cantiere Navale di Danzica. Il 31 agosto 1980 Mi?dzyzak?adowy Komitet Strajkowy (Comitato dello Sciopero delle Varie Fabbriche) con Lech Wa??sa a capo ha firmato un accordo con le autorità del paese. Subito dopo il sindacato Solidarno?? ha vinto le prime libere elezioni al Parlamento. Una svolta nella storia d’Europa iniziata con Wa??sa, che ha scavalcato il muro del cantiere navale, e finita con la demolizione del Muro di Berlino. Il 22 giugno nell’aula storica del Cantiere Navale di Danzica ci sarà l’incontro tra il Premio Nobel Walesa e Michel Platini. Insieme a Gdynia e Sopot, Danzica costituisce Trójmiasto (Trecittà) il maggior centro di divertimento estivo della Polonia. I tifosi oltre al calcio potranno partecipare ad uno dei più vecchi festival musicali in Europa, cioè al Sopot TOPtrendy Festiwal (25-27 maggio), che per la seconda volta consecutiva si svolgerà nell’Ergo Arena. Inoltre, due giorni dopo la conclusione dei Campionati Europei, le autorità di Gdynia invita a partecipare al Heineken Open’er Festival. Un altro evento all’aperto è il Jarmark ?w. Dominika (Fiera di San Domenico), dove oltre ai concerti e alle parate si potranno comprare prodotti artistici artigianali. A Danzica gli appasionati di storia e di architettura potranno approfittare dall’ampia offerta riguardante i monumenti, che ricordano i tempi dello splendore anseatico. Tutti quelli a cui piace divertirsi verranno di sicuro attirati a Sopot e Gdynia dai vari festival, dalle discoteche in spiaggia e dal famoso liquore di Danzica Goldwasser. I più pigri, invece, potranno godersi il sole e oltre 20 chilometri di spiagge lungo Mar Baltico. Tutto questo nell’atmosfera emozionante di Euro 2012!

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco