MArteLive Europe

0
140
La semifinale della prima edizione del concorso per giovani talenti MArteLive Europe si terrà in Polonia il 10 settembre alle 18:00 presso il castello di Krasiczyn, nella provincia di Podkarpackie. Il fondatore, ideatore e direttore artistico di MArteLive è Giuseppe Casa. Jean-Marc Thiébaut è il direttore operativo del progetto europeo e Joanna Longawa è la memanager artistica del concorso e la sua promotrice. Noi (il nome della Vostra testata) siamo il Media Partner dell'evento.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

La semifinale dell’area East-West Connection
al Castello di Krasiczyn in Polonia
10 settembre 2022 – ore 18.00 – ingresso libero

Dopo un anno e mezzo di ricerca, scouting dei migliori talenti in tutta Europa, le selezioni di MArteLive stanno finalmente per concludersi. Abbiamo raccolto più di 1.100 artisti provenienti da oltre 40 Paesi che hanno partecipato alle audizioni online e ora è arrivato il momento dello spettacolo dal vivo.

I 48 semifinalisti europei selezionati nell’ambito dell’area “East-West Connection” di MArteLive sono stati annunciati nei giorni scorsi e parteciperanno alla semifinale europea in programma il 10 settembre al Castello di Krasiczyn in Polonia.

Durante questi spettacolari eventi dal vivo vedremo esibirsi insieme i 3 migliori artisti per ciascuna delle 16 discipline artistiche. I 16 vincitori finali (uno per disciplina) riceveranno un premio in denaro e la possibilità di volare a Roma per la Biennale MArteLive dal 18 al 23 ottobre, che si svolgerà in 60 diverse location della Città Eterna, con un pubblico previsto di oltre 50.000 persone.

Un’opportunità unica per i giovani artisti emergenti: MArteLive è un concorso- festival internazionale che ha l’obiettivo di aiutare migliaia di giovani artisti europei a mostrare il proprio talento, vincere premi e fare rete con altri artisti e professionisti.

Sostenuto dal Programma Europa Creativa dell’Unione Europea, MArteLive è aperto a un’ampia gamma di artisti di età compresa tra i 18 e i 35 anni: le sue 16 diverse categorie vanno dalla pittura al teatro, fino alla street art e all’artigianato. Gli artisti selezionati durante le semifinali saranno poi i protagonisti del grande spettacolo finale che si terrà a Roma, dal 18 al 23 ottobre 2022.

MArteLive è più di un concorso, ma piuttosto un’opportunità per i professionisti dell’industria creativa e gli artisti di entrare in contatto, connettersi e fare rete per garantire una migliore diffusione di tutti i tipi di arte.

L’obiettivo di MArteLive è rompere il soffitto di vetro tra i nuovi talenti e il mondo
dell’arte e incentivare la libertà di espressione e la proliferazione di nuovi progetti
artistici in tutta Europa. È in questo contesto che si inserisce la prima edizione europea di MArteLive: dopo 20 anni di esperienza in Italia, dove abbiamo aiutato migliaia di giovani artisti a esprimere il loro credo artistico e a ottenere un’esposizione internazionale, il nostro progetto è di espandere questa opportunità oltre i confini della sua culla culturale latina.

 

Scopri i 48 semifinalisti dell’Area “East-West Connection” su www.martelive.eu

Music:
Chrust
Ledet
Isla kume

Dj and producers:
Natalie Blüme
Manawa
Aaeiyt

Theatre:
The Men with the Pink Triangle
La Col·lectiva Imaginària
Maria Caetano Vilalobos

Dance:
Nina Plantefève Castryck
Company Opinion Public
Zsófia Safranka-Peti

Contemporary Circus:
Carlos Gaudi
Fleuriane
Sara Greenberg

Literature:
Cristina Chira
Zoia Coman
Baraba z mostu

Painting and Drawings:
Laurent Dumortier
Zlata Shyshman
Valentina Joiu

Sculpture:
Slawomir Zieba
Regular Concrete
Darina Molatová

Photography:
Julia Naboyoshi Moraki
Daniela Ariza
Chloé Clément

Digital illustration:
Carlos Mondeja
Sensetus
Marcela Gawęda

Street art:
Licea
Soen Bravo
Fumomiles

Video Art:
Svitlana Korovai
Ferrario Mari
Malarte – MIYU presents Dries Bogaert

Fashion Design:
Nomaddicted
Maria Czarnecka
Paweł Kaźmierowski

Handicraft:
Kika Tomańa
Aurore Vienne
M’ART

Short Film:
Ewa Sztefka
Ioana Turcan
Alexa Ferreira

Music Video:
Magdalena Zielinska
Marcin Kluczykowski
Melinda Kádár

Quest'articolo è disponibile in: Italiano