Medici Senza Frontiere se ne va dalla Polonia dopo mesi di ostruzionismo da parte della Polizia

0
179

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

L’organizzazione umanitaria internazionale ha deciso dopo tre mesi di lasciare la frontiera polacco-bielorussa, dove contribuiva a salvare la vita e la salute dei migranti che la attraversavano. “Da ottobre abbiamo costantemente cercato di accedere alla zona proibita e ai posti di guardia di frontiera polacchi, ma senza successo”, scrivono Medici senza frontiere. Fanno notare che il loro team che stazionava finora vicino al confine polacco-bielorusso ha sentito molte testimonianze di prima mano di violenze, furti, distruzione di oggetti e umiliazioni dei migranti su entrambi i lati del confine. Anche i medici hanno visto lesioni che confermano questi racconti. L’organizzazione sottolinea che ha chiesto ripetutamente alle autorità polacche, lituane e bielorusse di accedere alla zona di confine, ma non ha ricevuto il permesso da nessuno di questi tre paesi. Da settembre a dicembre 2021, in Polonia è entrato in vigore lo stato di emergenza in una striscia di terra larga diversi chilometri vicino al confine con la Bielorussia, entro la quale il governo ha vietato l’ingresso, tra gli altri, alle organizzazioni umanitarie e giornalisti. Dall’inizio di dicembre, questo divieto è stato mantenuto da una nuova legge. Nonostante l’ostruzione da parte dei servizi statali, le organizzazioni umanitarie e i media hanno documentato negli ultimi mesi numerosi casi di cosiddetti pushback, cioè persone che volevano presentare domande di protezione internazionale in Polonia sono state portate al confine con la Bielorussia. Questa pratica è illegale secondo il diritto internazionale.

https://wiadomosci.onet.pl/kraj/lekarze-bez-granic-wycofuja-sie-z-polskiej-granicy-sytuacja-jest-nieludzka/tteqgzy

 

Quest'articolo è disponibile in: Italiano