Pinko, una famiglia italiana

0
20

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

L’articolo è stato pubblicato sul numero 77 della Gazzetta Italia (ottobre-novembre 2019)

“La famiglia è la forza, anche nella vita professionale”, assicura Pietro Negra, il proprietario del marchio Pinko.

Il marchio è stato fondato negli anni Ottanta da Pietro e sua moglie Cristina, per la quale la moda è sempre stata una passione. Sin dall’inizio il matrimonio ha condiviso le responsabilità per la gestione del marchio di moda. Cristina era responsabile del lato creativo e Pietro gestiva l’azienda dal lato commerciale. Oggi, anche se Pinko sta subendo importanti cambiamenti interni, rimane comunque un marchio di famiglia. La squadra attualmente comprende le figlie dei fondatori: Caterina e Cecilia. La prima è direttore creativo. È stato grazie a lei che Pinko ha rinunciato alle pellicce naturali ed è diventato più eco sostenendo tra l’altro il progetto “Treedom” dell’organizzazione che lavora per il rimboschimento di aree in tutto il mondo. Cecilia è responsabile della comunicazione del marchio. Per la prima volta nella storia Pietro Negra ha deciso di sostenere una squadra interamente italiana e molto giovane. Da diversi mesi è Federico Bonelli il responsabile della parte commerciale, mentre Emanuele Bianchi che in precedenza ha lavorato per Diesel, Coccinelle e Dolce & Gabbana è entrato a far parte del team come direttore del marketing. Caterina Salvador invece è diventata direttore del prodotto, nel suo curriculum vanta collaborazioni con marchi come Giorgio Armani, Hugo Boss, Calvin Klein, Dolce & Gabbana, Coin. “Questo è solo l’inizio di un progetto più ampio che introdurremo gradualmente nel corso dei prossimi mesi. Crediamo nella forza delle giovani generazioni. Ecco perché abbiamo creato un team completamente nuovo per rafforzare il modello di un business già di successo”, così commenta la riorganizzazione dello staff Pietro Negra.

Collezione per la stagione autunno inverno 2019/20 è la prima creata dal team rinnovato. Tuttavia la donna Pinko è rimasta invariata, appassionata e attenta alle ultime tendenze ma scegliendo solo quelle che si abbinano al suo stile individuale. È per lei che nasce la linea Pinko Black che combina l’eleganza con uno stile rock. Sui vestiti si possono trovare molti dettagli luccicanti, perché la donna Pinko non può rimanere indifferente. Con questa collezione il marchio ritorna alle sue radici, vale a dire gli anni Ottanta. Troviamo quindi maniche a sbuffo, minigonne, magliette stampate e scollature profonde. Inoltre una miscela di colori, materiali, disegni e trame. Grazie a questo a seconda dell’ora del giorno, dell’occasione e dell’umore, una donna può cambiare ogni volta in modo irriconoscibile. Il volto del marchio è diventata quindi la carismatica Madison Headrick, una top model mondiale che incarna la bellezza moderna e può cambiare come un camaleonte. Nelle sue campagne Pinko si concentra sempre sui volti unici e sulle modelle di livello mondiale. Tra loro c’erano: Naomi Campbell, Eva Herzigova e Sara Sampaio. „Oggi, è necessario pensare a livello globale allo sviluppo dell’azienda. La cosa più importante è la flessibilità, la capacità di anticipare vari scenari e adattarsi facilmente alle nuove regole del gioco. È quello che cerchiamo di fare ogni giorno”, dice Pietro Negra. „Lavorando insieme ognuno di noi ha il proprio spazio operativo grazie al quale ci completiamo a vicenda, il che è la prova che un’azienda familiare può avere la forza di imporsi sul mercato globale della moda “, aggiunge.

traduzione it: Justyna Czerwonka

Sito web: www.pinko.com
Facebook: www.facebook.com/PINKO.official

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco