Un diplomatico polacco contribuisce a una scoperta archeologica rivoluzionaria

0
136

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Foto> https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Anatolia_264.jpg

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Fino a poco tempo fa, la posizione di Thebasa, un’antica città nell’attuale Anatolia, rimaneva un mistero, Robert D. Rokicki ha contribuito alla scoperta dei resti dell’antica metropoli. È un consigliere dell’ambasciata polacca ad Ankara. Si è imbattuto nelle tracce di un’antica città durante uno dei suoi numerosi viaggi, il diplomatico polacco ha stabilito che Thebasa si trovava nel villaggio di Pinarkaya, che si trova nella parte meridionale della provincia turca di Karaman. Come appassionato di archeologia e laureato in storia dell’arte all’Università Jagellonica, Robert D. Rokicki ha osservato attentamente i luoghi visitati durante i suoi viaggi. Il diplomatico non ha nascosto che la scoperta di Thebasa è stata accidentale, poiché stava cercando un’altra città antica. Rokicki ha notato che ai margini del villaggio c’era una collina con resti di fortificazioni. Ha anche trovato tracce che indicano che c’era un tempio nel villaggio di una dimensione non comune nella zona, e anche i resti di edifici bizantini.

https://www.o2.pl/informacje/polski-dyplomata-pomogl-w-rozwiazaniu-zagadki-przelomowe-odkrycie-6731608708717248a

Quest'articolo è disponibile in: Italiano