Una crescente ribellione nell’indossare maschere

0
52

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Il tribunale distrettuale di Suwałki ha multato la commessa per aver rifiutato di servire il cliente senza maschera. La domanda di sanzione del negozio è stata presentata dalla polizia locale, il cui compito è controllare se l’obbligo di indossare maschere è rispettato. A Nowy Targ, un gruppo di circa 10 persone ha organizzato un “raid anti-covid sul mercato”, così hanno deciso di fare la spesa senza maschere. Questi casi stanno diventando più frequenti. Uno specialista in medicina marina e tropicale, il dottor Jerzy Banach, spiega che non c’è stata un’azione coerente e l’applicazione di questo tipo di comportamento dall’inizio dell’epidemia. Il portavoce del ministero della salute, Wojciech Andrusiewicz, assicura che i venditori hanno il diritto di chiedere di uscire alle persone del negozio senza maschere e di chiamare la polizia. Durante la conferenza stampa di mercoledì, il portavoce del ministero ha difeso la commessa punita di Suwałki. La presidente dell’Organizzazione polacca per il commercio e la distribuzione, Renata Juszkiewicz, dichiara che l’intervento della polizia non cambia molto in casi simili. A metà agosto, il KGP ha informato che dall’inizio dell’epidemia, gli ufficiali hanno emesso più di 14.000 multe per la mancanza di maschere, di cui 13.000 sono state emesse entro la fine di maggio, e hanno dato istruzioni di indossarli 58.000 volte.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano