Home » Lingua » Come si traduce in polacco la parola “magari”?

Come si traduce in polacco la parola “magari”?

Partiamo con il dire che questo termine non ha una traduzione fissa, il suo significato dipende molto dal contesto. A volte basterebbe un’intonazione particolare per far sì che la traduzione in polacco cambi. Vediamo gli esempi principali nei quali viene usata questa espressione.

1.”Vuoi venire al cinema con me”?
“Non posso, devo studiare, magari un’altra volta”. Ecco il primo esempio; in questo caso “magari” ha la funzione di avverbio, significa “forse, probabilmente”. Facciamo un altro esempio dello stesso tipo: “Domani farà bel tempo; magari vado a fare una passeggiata al mare”.

2. “Magari” può introdurre l’intenzione di esprimere un forte desiderio. Qualcosa che vorremmo molto che accadesse. “Marco, è tua quella bella macchina”? Marco risponde: “Magari! Io giro in bicicletta”. In questo caso dopo la parola “magari” si sottintende “magari fosse così”. Quindi quando usiamo questo termine in questo senso ci dobbiamo ricordare, se vogliamo dire tutta la frase, che dobbiamo usare il modo congiuntivo. Facciamo un altro esempio: “Devo lavorare con questa bella giornata, magari potessi andare al mare”! Quando lo usiamo da solo (nel senso di aby tak było) dobbiamo anche stare attenti all’intonazione. Se il tono della voce va a salire, vogliamo esprimere entusiasmo nella possibilità che ci viene proposta (“Mangiamo una pizza”? – “Magari!”). Se l’intonazione va verso il basso, vogliamo esprimere impossibilità, ironia nella proposta che ci viene fatta (“Domani è domenica, possiamo dormire fino alle 11” – “Eh, sì. Magari!” [mentre rispondo so bene che io devo lavorare e che non ho la giornata libera]

3. Infine “magari” inserito in alcuni contesti può significare: perfino, addirittura, anche. Prendiamo l’esempio: “Domani andiamo tutti insieme a mangiare dalla nonna” – “E stavolta magari viene nostro cugino”? Altro esempio: “Giorgio è stato scoperto con le mani nel sacco” – “Vediamo, lui è capace magari di negare tutto, anche l’evidenza”.

Tags