[Aggiornamento 02.12.2021] Situazione attuale in Polonia rispetto all’epidemia di COVID-19

0
88

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

In Polonia questa settimana si sono registrate ancora nuove infezioni da COVID-19, il numero complessivo dei casi attivi è 445.617 (settimana scorsa 418.059), di cui in gravi condizioni 1.862 (settimana scorsa 1.657), ovvero circa lo 0,4% del totale.

Gli ultimi dati mostrano 27.356 nuove infezioni registrate su 109.000 test effettuati, con 502 morti da coronavirus nelle ultime 24 ore.

Il numero delle vittime nell’ultima settimana è stato di 2.470 morti (settimana scorsa 2.192) e la situazione nelle strutture sanitarie polacche sta peggiorando, con l’occupazione dei posti letto in crescita negli ultimi giorni.

Sono 21.550 i malati di COVID-19 ospedalizzati (scorsa settimana 19.087), con 1.862 terapie intensive occupate (scorsa settimana 1.657).

Attualmente sono state effettuate 42.033.071 vaccinazioni per COVID-19 e 20.456.289 persone hanno completato il ciclo vaccinale.
La copertura sul totale della popolazione è di circa il 53,9%, media UE 66,3% (https://vaccinetracker.ecdc.europa.eu).

Sono state varate nuove restrizioni che saranno in vigore fino al 17 dicembre per contenere il crescere dei numeri della pandemia.

Resta in vigore l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso, inoltre cambiano le regole per gli eventi e la capienza massima dei locali. Restano aperti bar e ristoranti, sono consentite riunioni fino a 100 persone. Sono aperti hotel, centri commerciali, negozi, saloni di bellezza, parrucchieri, musei e gli impianti sportivi, anche al chiuso, ma con capienza massima ridotta.

Ogni attività è sottoposta a regime sanitario e sono previste limitazioni sul numero massimo di persone consentite, in linea generale è consentita 1 persona ogni 15 m2, a capacità 50% con norme di distanziamento per limitare le occasioni di contagio.

Per quanto riguarda gli sposamenti, salvo per vaccinati o ingressi con presentazione di test COVDI-19 negativo PCR molecolare o test antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti, resta in vigore l’obbligo di quarantena di 10 giorni.

Per gli ingressi in Polonia da paesi al di fuori dell’area Schengen è prevista quarantena automatica obbligatoria di 14 giorni, fino alla presentazione di un test negativo effettuato in Polonia successivamente all’ingresso, ma non prima di 7 giorni dal momento dell’ingresso nel paese. Sono escluse dall’obbligo di quarantena le persone vaccinate per COVID-19 con vaccini approvati dall’EMA.

Si raccomanda di limitare gli spostamenti e monitorare i dati epidemiologici nel caso di viaggi programmati da e verso la Polonia.

Dal 17 luglio è stato introdotto anche in Polonia il Digital Passenger Locator Form (dPLF) – Karta Lokalizacji Podróżnego.

Per spostamenti all’interno dell’UE, si raccomanda di verificare le restrizioni nei singoli paesi sul portale:  https://reopen.europa.eu

***

Informazioni per i cittadini italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia tra cui le risposte alle domande:

  • Ci sono Paesi dai quali l’ingresso in Italia è vietato?
  • Sono entrato/a in Italia dall’estero, devo stare 14 giorni in isolamento fiduciario a casa?
  • Quali sono le eccezioni all’obbligo di isolamento fiduciario per chi entra dall’estero?
  • E’ consentito il turismo da e per l’estero?

Per gli spostamenti da e per l’Italia a questo link le informazioni del Ministero degli Esteri:
https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/

La situazione Polonia verrà aggiornata all’indirizzo: www.icpartners.it/polonia-situazione-coronavirus/

Per maggiori informazioni:
E-mail: info@icpartnerspoland.pl
Telefono: +48 22 828 39 49
Facebook: www.facebook.com/ICPPoland
LinkedIn: www.linkedin.com/company/icpartners/

Quest'articolo è disponibile in: Italiano