È morto Jerzy “Duduś” Matuszkiewicz, jazzista e compositore polacco

0
54

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Sabato scorso, all’età di 93, è morto Jerzy “Duduś” Matuszkiewicz, uno dei più grandi jazzisti polacchi, figura di spicco nella storia del jazz, compositore di colonne sonore per film di culto polacchi. Matuszkiewicz è nato il 10 aprile del 1928 a Jasło. Ha trascorso la sua infanzia a Leopoli dove ha imparato a suonare la fisarmonica e il pianoforte. Dopo la seconda guerra mondiale, “Duduś” ha vissuto a Cracovia dove cresceva il suo interesse per il jazz. Ha studiato alla Scuola nazionale di cinema, televisione e teatro Leon Schiller di Łódź presso la facoltà di direzione della fotografia. Tra il 1950/1951 ha fondato il gruppo amatoriale “Melomani” con cui ha partecipato alle prime edizioni del festival di jazz a Sopot. Dopo la laurea, Matuszkiewicz si è trasferito a Varsavia dove ha cominciato a collaborare con il club “Hybrydy”. Dal 1958 è stato a capo della band Traditional Jazz Makers. Nel 1964, insieme con Krzysztof Komeda, Jerzy Milian, Andrzej Kurylewicz, Roman Dyląg e Tadeusz Federowski, Matuszkiewicz ha partecipato come membro del gruppo All Stars, nel film “Jazz aus Polen”. “Duduś” è stato autore di tante colonne sonori di serie televisive e di film polacchi quali: “Czterdziestolatek”, “Alternatywy 4”, “Janosik”, “Stawka większa niż życie”, “Wojna domowa”, “Podróż za jeden uśmiech”, “Stawiam na Tolka Banana”. Nel 1977 Matuszkiewicz è stato premiato con la Croce di commendatore dell’ordine della Polonia restituta. Nel 2008 ha ricevuto il premio musicale Fryderyk.

https://www.pap.pl/aktualnosci/news%2C920840%2Czmarl-jerzy-dudus-matuszkiewicz-muzyk-jazzowy-saksofonista-i-kompozytor

Quest'articolo è disponibile in: Italiano