Il festival Wschód Kultury a Białystok, Rzeszów e Lublin

0
19
nor

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Tra il 20 agosto e il 6 settembre a Białystok, Rzeszów e Lublin avrà luogo una serie di festival culturali Festiwal Wschód Kultury organizzati dal Centro Nazionale della Cultura e dalle autorità locali. L’iniziativa è organizzata nell’ambito della collaborazione della Polonia orientale con i paesi del Partenariato Orientale. Lo scopo del progetto è quello di condividere e promuovere le esperienze culturali, è uno dei programmi più importanti di questo tipo in Polonia. “Il festival ha una decennale tradizione e da qualche anno viene avviato in tre città contemporaneamente”, ha sottolineato Jarosław Sellin, viceministro della cultura. Il politico ha aggiunto che l’iniziativa ha un significato prioritario per il Ministero della Cultura e che rimane importante anche dal punto di vista dei rapporti politici tra i paesi del Partenariato Orientale. Il Ministero attraverso il Centro Nazionale della Cultura finanzia il festival con 2 milioni 100 mila di zł, le autorità locali di Rzeszów sono in grado di destinare per questo scopo 900 mila di zł e le autorità di Białystok e Lublin 375 mila di zł. Il direttore del Centro, prof. Rafał Wiśniewski, ha notato che il festival ha un carattere multidimensionale. Numerose forme della cultura si intrecciano e nello stesso tempo si svolge un dialogo tra vari paesi. “Abbiamo lavorato sodo in marzo, aprile, maggio e giugno”, ha detto Wiśniewski. Questo anno il festival sarà inaugurato a Białystok dove tra il 20 e il 23 agosto avrà luogo l’evento sotto il nome “Inny Wymiar” (Altra Dimensione). Inny Wyniar presenta tutta la ricchezza del patrimonio culturale di Białystok. Il vicesindaco della città, Adam Musik, ha sottolineato che Białystok è un posto multiculturale perché fino alla seconda guerra mondiale ci abitavano non solo i polacchi, ma anche russi, bielorussi, ucraini, ebrei, tedeschi e tartari. A Rzeszów avrà luogo la decima edizione dello Stadio Europeo della Cultura (Europejski Stadion Kultury). Nel programma figurano proiezioni cinematografiche, mostre, sfilate, workshop e varie attività per bambini e adulti. I bambini potranno partecipare ai workshop teatrali. Per gli amanti dei giochi da tavola sarà destinato il progetto KrosCon. Il punto più importante dell’evento a Rzeszów sarà il concerto aperto da Krzysztof Cugowski e la Filarmonica della Precarpazia. Sulla scena di Hala Podpromie si presenteranno anche Ania Dąbrowska e Sirusho, Sorry Borys e Nino Katamadze, Miuosh e GO A, Katarzyna Nosowska e PVNCH. Il ciclo di festival finirà con Inne Brzmienia (Altri Suoni) a Lublin (il 3-6 settembre). Il programma prevede tanti concerti. Tutto il programma è accessibile sul sito web: https://www.nck.pl/projekty-kulturalne/projekty/wschod-kultury/aktualnosci/bialystok-rzeszow-lublin-program-2020.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano