Mapei cresce in Polonia

0
1396

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Giorgio Squinzi, PoloniaLo scorso maggio 2013 è stato inaugurato il secondo stabilimento di produzione di Mapei Polonia a Barcin.

“La Polonia è sempre stata un importante mercato per il Gruppo Mapei oltre che per le sue dimensioni anche per il potenziale di crescita e l’apertura del mercato a prodotti di alta qualità e tecnologicamente avanzati. Il nuovo stabilimento è in realtà la quarta fabbrica polacca del Gruppo che si aggiunge a quelle di Mapei Polonia a Gliwice e a quelle della consociata Sopro Polonia a Nowiny e della cementeria Górka Cement a Trzebinia, che ha recentemente festeggiato il centesimo anniversario”, dichiara Giorgio Squinzi, CEO del Gruppo Mapei e Presidente di Confindustria Italia.

La filiale polacca del Gruppo Mapei è nata nel 2000. Nel 2003 è stato aperto il primo stabilimento produttivo a Gliwice nella Zona Economica Speciale di Katowice, che nei quattro anni successivi ha raddoppiato la propria capacità produttiva e il proprio deposito prodotti. Nel 2010 si è deciso di aprire un nuovo sito produttivo, scegliendo come area la Zona Economica Speciale della Pomerania. La collocazione in Barcin, situata nel centro-nord della Polonia, è strategica in quanto permette di migliorare il servizio logistico ai clienti. Gli uffici direzionali continuano ad essere a Varsavia.

Con due stabilimenti, la capacità produttiva totale di prodotti in polvere di Mapei Polonia raggiunge le 420.000 tonnellate all’anno, alle quali si aggiunge la linea di produzione di additivi liquidi per calcestruzzo e di macinazione del cemento, recentemente realizzata a Gliwice.

Vale la pena di sottolineare che lo stabilimento di produzione di Barcin è tra i 17 esclusivi progetti polacchi che hanno ricevuto la certificazione LEED dall’U.S. Green Building Council, come i più recenti stabilimenti del Gruppo nel mondo.

La costante introduzione di nuove linee di prodotti ha permesso a Mapei Polonia di essere conosciuta non solo come leader nel mercato degli adesivi e fugature per ceramica, ma anche di giocare un ruolo importante nel mercato dell’edilizia con prodotti per la posa di resilienti, tessili e pavimenti in legno, pavimenti in resina e cementizi, sistemi per l’isolamento termico, pitture protettive e decorative, additivi per calcestruzzo, impermeabilizzanti così come soluzioni specifiche per la protezione e il rinforzo del calcestruzzo e delle strutture in muratura, sia moderne sia storiche.

Da notare inoltre che il 96,3% dei prodotti Mapei venduti sul mercato polacco è prodotto localmente (a Gliwice e a Barcin) e il restante 3,7 % viene importato dall’Italia, in particolare dallo stabilimento di Robbiano di Mediglia, trattandosi di specialità del settore della chimica per edilizia. Il team di Mapei Polonia è cresciuto significativamente nel corso degli anni, sia in esperienza sia in numero: dai 48 dipendenti al momento dell’apertura dello stabilimento di Gliwice nel 2003 siamo arrivati agli attuali 290 impiegati.

Hanno presenziato alla cerimonia di inaugurazione Giorgio Squinzi, Veronica Squinzi, Marco Squinzi e le maestranze che hanno seguito la nascita del nuovo stabilimento; erano inoltre presenti 150 ospiti tra i quali Riccardo Guariglia, Ambasciatore d’Italia, Giuseppe Federico, nuovo Direttore ICE per la Polonia, Donato Di Gilio , Presidente della Camera di Commercio e dell’Industria italiana in Polonia, Teresa Kamińska, Presidente della Zona Economica Speciale della Pomerania e autorità locali come Michał Pęziak, Sindaco del Distretto di Barcin, Edward Hartwich, Vicemaresciallo a Kujasko-Pomorskie Voivodship e Zbigniew Jaszczuck, del Distretto di Znin.

“La presenza di Mapei e del capitale investito nella nostra regione significano per noi nuove tecnologie, creazione di posti di lavoro. Mapei è un partner affidabile e siamo particolarmente felici di averlo tra i nostri partners” ha commentato Michał Pęziak, Sindaco del Distretto di Barcin.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco