Home » Panorama Polonia » Il Teatro Shakespeariano di Danzica, uno degli interventi più belli del XXI secolo

Il Teatro Shakespeariano di Danzica, uno degli interventi più belli del XXI secolo

L’architetto Renato Rizzi, docente di progettazione architettonica allo Iuav di Venezia, ha ricevuto in settembre un nuovo riconoscimento per il Teatro Shakespeariano da lui progettato e realizzato a Danzica in Polonia. A consegnargli il premio a Venezia, per conto dell’associazione “Amici Americani del Teatro di Danzica”, è stato il gallerista americano Charles Krause accompagnato dal direttore del Teatro Jerzy Limon. “Questo teatro per la sua forma, la sua potenzialità tecnica e per i suoi significati simbolici è senza dubbio uno degli edifici più interessanti del XXI secolo”, così ha commentato Charles Krause, giornalista, critico d’arte e rappresentante dell’Associazione degli Amici del Teatro di Danzica. È l’ennesimo riconoscimento al professor Rizzi – dopo gli altri tre ricevuti in Polonia, tra cui l’anno scorso il “Premio Gazzetta Italia” dato dalla comunità italiana nella terra di Chopin – per lo splendido teatro che ha la peculiarità d’avere il tetto apribile in modo da riprodurre la scena nello stile del teatro elisabettiano.

“È un teatro dalle forti valenze simboliche per tante ragioni: il bando è stato fatto nel 2004 anno d’entrata della Polonia nella Comunità Europea, la città che lo ospita è Danzica, dove nacque il movimento Solidarność protagonista della riconquista dell’indipendenza della Polonia e in seguito di tutti i paesi dell’ex blocco socialista, inoltre il tetto del teatro si apre alzando due ali nel cielo che ricordano il gesto di vittoria con le braccia al cielo di Lech Wałęsa,” ha commentato il professor Renato Rizzi. “Il teatro è molto apprezzato dal pubblico sia per al sua bellezza architettonica sia per la sua per la sua funzionalità”, ha commentato Jerzy Limon. Il teatro è stato inaugurato alla presenza del Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk nel settembre del 2014. Qui un servizio dedicato dalla Rai all’opera e al suo architetto.

Tags