Home » Arte » Mostra sull’Esercito di Terracotta dell’imperatore Qin a Stalowa Wola

Mostra sull’Esercito di Terracotta dell’imperatore Qin a Stalowa Wola

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

Domenica è stata inaugurata al Museo Regionale di Stalowa Wola (Precarpazia) la splendida mostra Chińska Armia Terakotowa Cesarza Qin dedicata all’esercito di soldati di terracotta posti a guardia della tomba del primo imperatore cinese Qin Shi Huang. Il capolavoro, ormai noto anche come ottava meraviglia del mondo, è stato proclamato Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’UNESCO nel 1987. “L’esposizione è un’occasione perfetta per far conoscere una delle più antiche civiltà del mondo, le sue conquiste e soprattutto la storia del primo imperatore della Cina e della sua affascinante armata di terracotta”, ha dichiarato Beata Trybuła, che al museo svolge la funzione di educatore. Trybuła ha poi assicurato che tutte le 40 repliche di guerrieri esposte alla mostra, inclusa quella dell’imperatore, sono fedelissime riproduzioni degli originali, conservati nel Mausoleo del primo imperatore Qin a Xi’an. La peculiarità dell’opera è che ogni statua è diversa l’una dall’altra. Interessante è anche il fatto che i guerrieri erano dotati di armi vere. Trybuła ha sottolineato che il loro ritrovamento è stato uno dei più grandi eventi archeologici del XX secolo. Finora sono state riportate alla luce quasi 8 mila statue. Secondo gli esperti, alla costruzione della tomba imperiale e del suo esercito di terracotta hanno lavorato circa 700 mila persone. È probabile che gli scultori, architetti e artigiani che hanno lavorato alla creazione del mausoleo vi siano anche stati sepolti. Infine Trybuła ha ricordato l’imperatore Qin Shi Huanga ha iniziato la costruzione della Grande muraglia cinese, ha uniformato il sistema di pesi e misure e dei caratteri cinesi e ha unificato la Cina antica, dando origine allo Stato cinese moderno. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 27 marzo.

L’informazione e la foto provengono da: http://pap.pl

Tags