Mateusz Morawiecki: i paesi dell’Europa centro-orientale avevano messo in guardia sul pericolo Russia

0
48

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl.

“Quando i paesi dell’Europa centrale e orientale hanno avvertito del risveglio delle ambizioni neo-imperiali del Cremlino sono stati considerati come una voce di isteria”, ha affermato il primo ministro Mateusz Morawiecki a Bratislava, dove ha preso parte al 2° Vertice conservatore. Il primo ministro ha valutato che l’Europa occidentale era intrappolata in un doppio stereotipo: verso l’Europa centrale e verso la Russia. Come Morawiecki ha detto, l’Europa occidentale aveva una grande tolleranza nei confronti della Russia nonostante le varie inclinazioni neo-imperiali che erano evidenti prima dell’attacco russo all’Ucraina. Allo stesso tempo, in relazione all’Europa centrale, c’era una sorta di visione condiscendente delle ragioni della Polonia e dei suoi tentativi di uscire dal post-comunismo. Nel suo discorso sulle sfide contemporanee per l’Europa centrale, Morawiecki ha sottolineato che “l’odierna Russia del potere di Vladimir Putin ha distillato sugli altri paesi, in un certo senso, anche il colonialismo”. Il primo ministro ha aggiunto che l’Europa è stata messa sotto pressione dalla propaganda russa, che oggi è molto più visibile e bisogna esserne consapevoli.

https://polskieradio24.pl/5/1223/artykul/3039241,premier-gdy-ostrzegalismy-przed-rosja-traktowano-to-jako-histerie-a-to-byl-glos-proroczy

Quest'articolo è disponibile in: Italiano