A Carnevale ogni vino vale?

0
31

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Coriandoli, maschere, stelle filanti: Carnevale è il periodo più colorato dell’anno ed è anche un trionfo di sapori! La tradizione gastronomica per questa festa vede tra i protagonisti più importanti i dolci, e le specialità tipiche la fanno da padrone. Semplici o farcite, morbide o croccanti, ma soprattutto fritte e cosparse di zucchero.

Accompagnarle con un buon bicchiere è un piacere che vale la pena concedersi e quindi viene spontaneo chiedersi: quale vino si può abbinare ai dolci di Carnevale? Una risposta univoca non c’è, ma seguendo alcune indicazioni è più facile non sbagliare. In linea generale si può dire che i dolci di Carnevale ben si sposano a fresche bollicine e a passitiimportanti. Ecco alcuni suggerimenti ai quali si può far riferimento per esaltare il gusto e la festa.

Per i dolci fritti sono preferibili le bollicine. Le bolle sono un’ottima opzione per accompagnare le “chiacchiere” e l’abbinamento ideale è sicuramente con un fresco e profumato Moscato d’Asti, in cui le sue nuances di muschio e biancospino si fondono a intensi sentori di litchi e pescabianca, confl uendo in un elegante finale ricco di sfumature cremose. In questo caso quindi si sceglie un vino con un certo dosaggio zuccherino (quindi non un brut, o extra brut o dosaggio zero, per intendersi). La parola d’ordine, oltre alla dolcezza, è freschezza, oltre alla giusta delicatezza dei profumi. Giocando sull’affi nità il vino giusto da abbinare a dolci quali frappe, castagnole o frittelle di mele, potrebbe essere un buon Passito o un Vin Santo; corposo, profumato e dolce, con l’accortezza però di scegliere quello giusto. Niente vini troppo dolci, quindi, per evitare che il risultato finisca per essere troppo intenso, stucchevole e non piacevole.

Anche in presenza di farciture alla crema o cioccolato possiamo sicuramente affi darci ad un ricco vino passito, ma da uve rosse, come ad esempio un Sagrantino Passito di Montefalco. Al naso vi sentirete immersi in morbidi sentori fruttati di more, ribes e note di macchia mediterranea, con tocchi di spezie e vaniglia sul finale. In bocca potrete apprezzarne la grande struttura, allietata da un tannino liscio e levigato.

In tale percorso anche vini quali Marzemino o Raboso passiti saranno effi caci e sontuosi accompagnamenti, per condividere al meglio i lieti giorni di festa che il Carnevale ci regala per scaldare il cuore e la vita durante l’inverno. 

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco