Amore all’italiana

0
173
Anna e Luigi

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

Soleggiato pomeriggio di primavera. Una piccola stanza nell’attico, l’odore del legno e della mela che sboccia nell’aria, Anna Crisanti è chinata sull’icona. Dipinge la veste della Madonna italiana del XIV secolo, chiamata anche Madonna di Costantinopoli, dall’altare della chiesa principale di San Nicola a Mola di Bari. Gli stessi occhi ridenti e capelli biondi che ricordavo dai nostri tempi al liceo artistico di Cracovia. E, anche se gli anni sono arrivati, e con loro rughe e qualche chilo, questa è la stessa Ania! Allegra, gentile e immersa nel suo lavoro. Si alza, sorride, asciugandosi le mani sporche di pittura sul grembiule. Mascherate (perché è tempo di pandemia) stiamo entrambe guardando la Madonna leggermente sorridente. È un’icona del circolo cipriota-bizantino, con il tipo iconografico di Galaktotrophousa (Madonna che allatta), probabilmente portato da Costantinopoli.

Come è iniziato l’amore per l’Italia? 

Prima è stato l’amore per l’arte … studiando in un liceo artistico a Cracovia imparavo l’arte italiana, sognavo di vedere un giorno queste meraviglie con i miei occhi.

E poi sei riuscita a girare quasi tutta l’Italia in tempi in cui uscire dalla Polonia sembrava un miracolo.

Oh sì, è stato un miracolo. Ancora da studentessa, ho incontrato uno studente italiano che è venuto in Polonia. Era affascinato dalla figura di Giovanni Paolo II. Sognava di vedere il paese in cui il papa polacco viveva e lavorava. Ci siamo incontrati attraverso amici comuni. È così che è iniziata la nostra amicizia, poi l’amore e la vita insieme … Gli inizi sono stati molto difficili … Non c’era telefono in casa mia, le lettere ci mettevano molto tempo e venivano spesso aperte e distrutte (ad esempio si bagnavano e diventavano illeggibili). Luigi, quello era il nome del mio futuro marito, venne in Polonia per ogni vacanza. Io potevo solo sognare di andare in Italia. Quando arrivò lo stato di guerra in Polonia, le difficoltà di contatto diventarono ancora maggiori. Scrissi lettere a Luigi con succo di cipolla (visibile solo se scaldato), descrivendo la situazione in Polonia. Con l’inchiostro normale scrivevo frasi banali con saluti e auguri.

Anna e Luigi

In quale lingua vi scrivevate?

Inizialmente in inglese. Però, anche prima di incontrare Luigi, avevo iniziato a studiare l’italiano, quindi siamo gradualmente passati all’italiano. A volte ho avuto dei contrattempi linguistici quando, ad esempio, Luigi mi ha inviato un pacchetto di caramelle attraverso un amico (per lo stato di guerra era impossibile) con la dedica: “Accetta questo piccolo segno della nostra amicizia” e io ho tradotto “accetta” con “ascia” cosa che mi ha preoccupato molto.

Il vostro “amore per corrispondenza” è durato a lungo?

Sfortunatamente a lungo, oltre quattro anni. Ero molto giovane, quindi il tempo era ancora più lungo.

Quando lo stato di guerra finì e superai gli esami finali di maturità, Luigi riuscì finalmente a invitarmi in Italia, mandò un invito speciale (senza il viaggio sarebbe stato impossibile!) E tutto ciò che restava era ottenere un visto. Sono andata con mia madre a Varsavia, al consolato italiano. Lì dovetti stare in fila davanti al consolato per alcuni giorni e poi mi dissero che potevo ottenere un visto non prima di due mesi! E io già avevo un invito e un biglietto aereo in tasca per la mia prima vacanza italiana!

Così sei rimasta in Polonia?

Mi è successo un fatto insolito. Con un amica conosciuta in coda, abbiamo deciso di andare all’ambasciata italiana! Non avevamo idea di dove fosse l’ambasciata e se ci avrebbero accettato.

Quando abbiamo finalmente raggiunto Piazza Dąbrowski, nessuno degli edifici aveva la bandiera italiana esposta, quindi non avevamo idea di dove si trovasse l’ambasciata. Abbiamo deciso di chiedere ad un signore che portava a spasso il cane. Questo signore si è rivelato straniero e cortesemente ci ha spiegato in inglese dove si trovava l’ambasciata italiana. Ho chiesto se parlava italiano e, quando ha confermato, ho immaginato che probabilmente avesse familiarità con il funzionamento dell’ambasciata e come avrei potuto organizzare un visto accelerato. Mi sono lamentata un po’ del lento lavoro del consolato e quando ho spiegato quali “importanti questioni familiari” mi hanno portato all’ambasciata, questo gentiluomo ha deciso di aiutarmi. Si è scoperto che stavo parlando con l’ambasciatore italiano in persona! Abbiamo ricevuto il visto dopo due giorni!

Una storia fantastica! Quindi alla fine hai potuto realizzare il sogno di viaggiare in Italia?

Sì! E incontrare la famiglia del mio ragazzo, il suo paese e i suoi amici! Vedere con i miei occhi le meraviglie delle quali tanto avevo  letto e imparato nelle lezioni di storia dell’arte. Abbiamo iniziato ad esplorare Roma, poi abbiamo girato tutta l’Italia. Auto a noleggio, autostop, qualunque cosa. Ero la persona più felice del mondo! Dalla gioia ho persino imparato a nuotare e andare sott’acqua! Siamo anche andati sulle Alpi. Le serate nelle Dolomiti, quando le montagne diventano dorate e rosse al tramonto, le ricorderò per il resto della mia vita! Ero innamorata, impressionata dalla bellezza che mi circondava e molto felice!

E c’era qualcosa che non ti è piaciuto?

Probabilmente ero troppo felice per notare eventuali aspetti negativi, ma mi ha irritato, ad esempio, che i colleghi di Luigi invece di visitare la città, guardare, nuotare preferivano rimanere in tenda e giocare a carte! Non riuscivo a capirlo!

La più grande gioia?

La libertà! Mi sembrava che tutto in Italia fosse organizzato in modo tale che le persone potessero essere felici e vivere comodamente. Ero molto gelosa di loro!

E qual è il seguito di questa bella storia?

Ottimo per ora! Luigi, filosofo dell’educazione, trovò lavoro a Cracovia come professore presso il Centro di perfezionamento delle lingue straniere per insegnanti accademici. I suoi studenti erano molti dei meravigliosi professori di Cracovia, incluso l’attuale sindaco di Cracovia. Felice del nostro paese, con grande stima per Cracovia, le nostre tradizioni e la religiosità non poteva immaginare di tornare in Italia, insieme abbiamo aperto nella piazza principale di Cracovia una delle prime pizzerie “Pizza al taglio”. In quel momento molto felice per noi, amici e parenti continuavano a dire che dovevo tornare alla pittura. Per fortuna sono stata invitata alla scuola iconografica italiana di Seriate, oggi Scuola Iconografica di Seriate. Era una scuola molto esclusiva, potevo studiare in cambio delle traduzioni che Luigi doveva fare per questa scuola. È stato un grande momento, pieno di lavoro creativo, esplorando la regione, sviluppando abilità pittoriche. Poco dopo, nacque il nostro primo figlio Francesco, in onore di San Francesco, e per portare gioia ai genitori di Luigi, in particolare a suo padre, che era umbro. Meno di un mese dopo la nascita del bambino, i nonni venivano da Roma per vedere il loro primo nipote. Dopo cinque anni, è arrivato il nostro secondo figlio Dawid.

In che lingua hai cresciuto Francesco?

In entrambe! Luigi in italiano, io in polacco. Inoltre, Luigi cantava magnificamente. Ha spesso preso la chitarra e ci ha dato grandi concerti di canzoni italiane. Sia quelle per i bambini, che quelle religiose e quelle meravigliosi canzoni tradizionali di cui l’Italia ha un numero infinito. Lì, i bambini imparano a ballare e cantare prima di imparare a parlare e camminare. Francesco ha iniziato a parlare e cantare molto rapidamente.

E quali tradizioni italiane sei riuscita a trasferire sul suolo polacco in quegli anni Ottanta poco interessanti?

Prima di tutto, il caffè. Era un rito nella casa romana di Luigi. Abbiamo importato una vera macchina per caffè espresso dall’Italia! È stato qualcosa di straordinario! Vero cappuccino a Cracovia! E ovviamente a Natale abbiamo costruito una presepe. Luigi ha fatto le pietre con di carta e i ragazzi hanno sistemato le figurine. Un Natale particolare accompagnato da un’atmosfera insolita, rafforzata dalla musica e dai piatti italiani che ho imparato a fare dalla mia suocera italiana. E siamo stati anche in grado di discutere animatamente di politica durante la cena come si fa in Italia. E poi quando la discussione è finita senza alcun problema e senza nessuna frizione tra le persone tutti hanno aiutato a spreparare.

E la pittura?

Ho dovuto abbandonare i pennelli per un po’, soprattutto da quando ho dato alla luce il mio terzo figlio Marysia. Mi sono ripromessa che se mia figlia fosse andata all’asilo, sarei tornata ai miei quadri. Sfortunatamente, quando Marysia aveva sei anni, Luigi morì. All’improvviso ero sola, senza lavoro e con tre figli. Le famiglie italiane e polacche hanno aiutato il più possibile, ma è stato molto difficile per noi. E un giorno il Museo Nazionale di Cracovia mi ha chiesto di condurre seminari iconografici. Ero molto felice! Era il mio grande sogno ma allo stesso tempo avevo paura di insegnare a qualcuno a dipingere icone. Fortunatamente, sono riuscita e ho condotto questi seminari per anni in musei, nonché in centri comunitari e in privato in Polonia e in Italia.

Ma dipingi anche tu?

Ovviamente! La pittura è il mio contatto con Dio, una cura per la tristezza, un momento di calma, calma e gioia.

E “l’ordine della vita”?

Penso che sia ancora davanti a me. Per ora, sono molto orgogliosa della grande icona di Mandylion per l’altare principale con dimensioni 2,5 x 2,5 m dalla chiesa di Wieliczka. L’ho dipinta in tre mesi! Era insolito ordinare una copia dell’icona 1:1 dall’altare della chiesa nel nord Italia. Grazie al mio lavoro creativo, all’amore per l’arte, sono stata in grado di ritrovare il mio equilibrio. Mi sono sposata di nuovo con Piotr, anche lui vedovo con tre figli. Ora stiamo lavorando insieme, condividendo la passione per le icone e l’arte. Piotr produce tavole, trame e dorature e io dipingo. Entrambi amiamo l’Italia, dove abbiamo molti amici e abbiamo appena programmato un viaggio da sogno italiano. Abbiamo comprato un camper e intendevamo andare in giro ad esplorare ogni angolo del Bel Paese, ma sfortunatamente la pandemia ha contrastato i nostri piani. Ma il grande amore non si ferma mai e torneremo l’anno prossimo.

traduzione it: Barbara Perłowska

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco