Italian Jewellery in Warsaw

0
1043

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Il 20 e 21 giugno si è svolta all’Hotel Marriot di Varsavia la due giorni di workshop sulla gioielleria organizzata dall’ICE. Un evento che ha offerto a uno spaccato importante del settore italiano della gioielleria l’occasione di incrociare operatori provenienti da tanti paesi dell’Europa orientale, oltre naturalmente ai buyer polacchi. “In Italia spesso non si ha la percezione della forza economica e del grande potenziale di sviluppo della Polonia”, ha dichiarato l’Ambasciatore Alessandro De Pedys intervenendo all’incontro con le 34 aziende italiane che espongono i loro prodotti a Varsavia. De Pedys ha quindi ricordato l’importanza dell’interscambio tra i due paesi: “la Polonia è l’ottavo mercato di export per l’Italia, un paese che sulla nostra bilancia commerciale conta più di Turchia, Giappone e Russia.”

Il direttore dell’ICE Antonino Mafodda ha poi approfondito il tema della gioielleria: “La domanda di gioielli in Polonia riguarda soprattutto articoli in argento e ambra, materiali di cui il Paese vanta grande disponibilità e una lunga tradizione in termini di lavorazione. Gran parte della produzione polacca viene esportata e la domanda interna di gioielli è sempre più interessata ai prodotti di importazione e in particolare ai prodotti Made in Italy che sono ritenuti di alta gamma, soprattutto per quanto riguarda le catene d’oro e d’argento. I consumatori polacchi preferiscono nettamente il negozio di gioielleria (85%) e la bottega orafa artigianale (18%). L’e-commerce mostra forti dinamiche di sviluppo, anche se il suo utilizzo riguarda ancora prevalentemente la promozione dei prodotti. Il consumo dei coralli e cammei è invece ancora limitato. Da segnalare che il sistema distributivo polacco è concentrato in alcune grandi aziende leader che veicolano oltre il 30% delle vendite al dettaglio.”

Al workshop di Varsavia hanno preso parte 34 aziende provenienti da tutta Italia e oltre 60 operatori del settore arrivati da 15 paesi limitrofi: Albania, Armenia, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Kosovo, Lituania, Macedonia, Moldavia, Montenegro, Romania, Russia, Serbia e Ucraina. Va ricordato che il settore orafo argentiero gioielliero italiano conta circa 9.000 aziende, per un valore della produzione di oltre 7 miliardi di euro, all’interno delle quali operano 45 mila addetti. Trattasi di uno dei comparti manifatturieri di punta del Made in Italy, nonché tra i più export-oriented, con una propensione pari ad oltre l’80% del fatturato. Secondo i dati di consuntivo 2017 si registrano segnali positivi nel settore gioielleria, bigiotteria e articoli connessi; pietre preziose lavorate. Ciò vale sia per le esportazioni, con un +12%, che per le importazioni, con +10% rispetto all’anno precedente. Si registra inoltre una variazione positiva del saldo commerciale, attestata su circa 509 milioni di euro, dopo un triennio di variazioni negative. In termini di valori assoluti delle transazioni commerciali, si tratta di 7.007.466.000€ per le esportazioni e di 2.924.615.000€ per le importazioni.

Questa le aziende italiane che hanno presentato i loro prodotti all’evento organizzato a Varsavia dall’ICE: Adaltera, Bassano Collection, Bizzotto Gioielli, Bonor, Borgogni Caterina, Bracciali, Del Gatto, Desiré, Dieffeoro, Fair Line, Federici, Ferrari Fausto, FerrariFirenze, Fibo Gold, Giò Argenti, Golden Corals-Medea Jewels, Ideal Diamonds, Il Tulipano, Joy Bijoux, Laza, Light Gold & Silver, Lucchetta, M.I.I., Magalini Franco, Maori Gioiellieri, Maria De Toni, Mario Porzio Gioielli, Opera Collection, Orsogrigio, P.V.Z. – Neonero, Re Sole, Simonetto Gianfranco, Top Gold, Torrini Manifattura Orafa.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano