“Killing the Boredom”, proiezione dei film di Wilhelm Sasnal a Venezia

0
61
Sasnal, "Litany", 2015

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco

La Fondazione Signum presenta “ Killing the Boredom”, una mostra di quattro cortometraggi (tra cui due inediti) è la prima esposizione personale a Venezia di Wilhelm Sasnal che avrá luogo nel Palazzo Donà Brusa in Campo San Polo.

Wilhelm Sasnal (nato a Tarnów nel 1972, attualmente lavora a Cracovia) è un artista polacco, conosciuto sia per le sue opere pittoriche sia per i suoi film. Le sue produzioni sono molto personali, radicate nell’esistenza dell’artista e attingono alla tradizione polacca del XX secolo del cinema personale, concentrata sulla registrazione delle banalità della vita quotidiana e sulle fantasie della gente. I suoi film sono molto influenzati dall’estetica delle varie culture  musicali e dai video non mainstream.

Sasnal lavora abitualmente su cortometraggi caratterizzati dalla forma destrutturata, insieme alla moglie Anka realizza invece lungometraggi narrativi. Parlando delle sue opere dice: “realizzo i film come i dipinti lasciando scorrere il loro flusso”.

Programma

  1. Cristoforo Colombo, 2014/27′
    Produzione: Lismore Castle Arts
    Sasnal inizió ad approfondire la storia di famoso Cristoforo Colombo, dopo aver letto i vari documenti sulla salute mentale del famoso esploratore italiano. Sasnal racconta la sua storia del viaggio nel Nuovo Mondo attraverso affermazioni laconiche, fatti storici e sue invenzioni fantastiche. Il film parla dello stato d’animo, la sua forte personalità e la grande l’eredità che ha lasciato.
  2. Killing the Boredom, 2021/5’33’’
    Il film ci porta in un modo visuale ed intuitivo in un viaggio psichedelico. Attingendo alla tradizione di questo genere di cinema Sasnal attraverso l’uso di filmati d’archivio personali, distorsioni visive e narrazioni sperimentali, dipinge una esperienza psichedelica inquietante.
  3. Developing Tank 2015/14′
    Produzione: Johnen Galerie / Esther Schipper Galerie , Berlin
    Developing Tank prende come punto di partenza la visita in una vecchia casa di famiglia. Entrando nella casa, vuota, il protagonista trova una bobina di un film non sviluppato con il materiale che aveva girato 25 anni prima. Il film fonde i ricordi di quando gli fu insegnato a maneggiare e sviluppare il materiale cinematografico con il contenuto misterioso della bobina ritrovata.
  4. Litania, 2015/2’43’’
    Litania è un film molto poetico e visivamente affascinante in cui l’artista confronta la religione con la cultura pop. L’uso di una litania e di una canzone popolare di un gruppo rock alternativo degli anni Ottanta riflette e confronta due mondi diversi ed i temi principali del film.

Autori della mostra

CURATORI DELLA MOSTRA: Małgorzata Kozioł, Paulina Przyborowska

CONCETTO CURATORIALE: Małgorzata Kozioł

ASSISTENTE DELL ‘ARTISTA: Paweł Gardynik

SUPPORTO TECNICO: Giovanni Slongo

PROGETTO DEL POSTER: Wilhelm Sasnal

RINGRAZIAMENTI SPECIALI A: Andrzej Przywara, Foksal Gallery Foundation

FINANZIATO DA: Signum Foundation/ Fondazione Signum

GIORNI DELLA MOSTRA: 07-12.09.2021
ORARI: 10.00-18.00
Proiezioni ogni ora
(La ultima proiezione alle 17:00)
Ingresso gratuito, obbligatorio prenotazione del posto: palazzodonabrusa@gmail.com +39 334 912 3495

Indirizzio: Palazzo Dona Brusa, San Polo 2177, 30125 Venezia

www.palazzodonabrusa.it, signum.art.pl

Biografia dell’artista

La carriera di Wilhelm Sasnal è stata costantemente divisa in due correnti artistiche: pittura e film. Negli ultimi anni l’artista con la moglie Anka ha diretto i lungometraggi: Swineherd (2008), It looks pretty from a distance (2011), Alexander (2013), Huba (2013), The Sun, the sun blinded me (2016). Queste opere sono state presentate in alcuni dei festival di cinema più prestigiosi come il Rotterdam International Film Festival e il Berlin Film Festival. Inoltre, Wilhelm e Anka Sansal hanno vinto il premio per il Miglior Film Polacco al New Horizons Film Festival. Per la creazione dei suoi film l’artista usa principalmente bobine di pellicola da 16 mm.

Wilhelm Sasnal è nato a Tarnow, Polonia, e vive e lavora a Cracovia. Pittore, disegnatore, regista e fumettista ha presentato i suoi lavori in mostre personali e collettive in tutta Europa e negli Stati Uniti, tra queste: Take Me To The Other Side, Lismore Castle Arts, Irlanda (2014); Haus der Kunst, Monaco di Baviera, Germania (2012); Whitechapel Art Gallery, Londra (2011); K21, Düsseldorf, Germania, e Centro De Arte Contemporàneo, Málaga, Spagna (entrambi 2009); Wilhelm Sasnal – Anni di lotta, Zacheta Narodowa Galeria Sztuki, Varsavia (2008); Matrix, Museo d’arte di Berkeley, Berkeley, California (2005); e Kunsthalle Zurigo, Svizzera (2003).

Fondazione Signum

La Fondazione Signum si occupa di beneficenza ai bambini ed ai giovani e della promozione internazionale dell ‘arte moderna e contemporanea con un particolare interesse per l’arte polacca. La Fondazione cerca di unire queste attività nei progetti legati all’educazione attraverso l’arte e all’arte impegnata nei temi sociali. La Fondazione è attiva in Polonia, con sede presso la Fabrica di Zeyland e a Venezia presso Palazzo Donà che ospita dal 2009 lo spazio espositivo permanente della Signum Foundation. http://signum.art.pl/en/wydarzenie/wilhelm-sasnal-killing-the-boredom/

Palazzo Donà Brusa / Fondazione Signum

Palazzo Donà Brusa è un palazzo gotico, un luogo unico nel cuore di Venezia, in Campo San Polo. Le origini di Palazzo Donà risalgono al XIV secolo. Il luogo ha una ricca storia, essendo sede di artisti, anche molto prima che la Fondazione Signum ne abbracciasse lo spirito e lo trasformasse in un luogo d’arte a tempo pieno. Palazzo Donà Brusa fu prima casa della famiglia aristocratica Donà di Aquileia. Doppo era abitato da diversi artisti, tra cui il compositore italiano Giovanni Francesco Brus. Dal 2009 è di proprietà della Fondazione Signum, che promuove l’arte contemporanea. Le attività della fondazione a Venezia sono state inaugurate con la mostra “Svegliati e Sogna”, con le opere di artisti come: Mirosław Bałka, Nicolas Grospierre, Grupa Sędzia Główny, Tadeusz Kantor, Eustachy Kossakowski, Katarzyna Kozyra, Natalia LL, Dominik Lejman, Jacek Malczewski, Kasimir Malevich, Michał Martychowiec, Roman Opałka, Ignacy Stanisław Witkiewicz, Krzysztof Wodiczko.

Nel 2010 ha avuto luogo un’altra mostra della Fondazione Signum: Luce e movimento /lumière et mouvement, mostra – omaggio all’arte cinetica e a grandi personalità del mondo dell’arte della seconda metà del XX secolo: Madame Denise René, Carlos Cruz-Diez, Jesus Rafael Soto, grazie ai quali l’arte cinetica ha cambiato non solo il nostro pensiero, ma anche lo spazio privato e pubblico che ci circond. Sono state presentate le opere degli artisti: Martha Boto, Carlos Cruz-Diez, Horacio Garcia Rossi, Werner Graeff, Julio Le Parc, László Moholy-Nagy, Józef Robakowski, Nicoals Schöffer, Jesús Rafael Soto, Gregorio Vardanega.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano Polacco