La situazione nel fiume Odra

0
117

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Ieri doveva essere presentata una relazione dettagliata sul disastro del fiume Odra. Per il momento, i responsabili del disastro sono ancora sconosciuti e anche i dettagli sul futuro sistema di monitoraggio, che ha lo scopo di prevenire situazioni simili nei fiumi polacchi. Tra le possibili cause del disastro ci sono il mesitilene o il mercurio. L’Ispettorato ambientale riferisce solo sull’aumento dei valori di mercurio nelle acque dei canali Gliwice e Kędzierzyn. Come spiega l’Ispettorato questo è “un fenomeno causato da metalli pesanti che si depositano sul fondo, che è tipico dei siti industriali”. Scienziati tedeschi dell’Istituto per l’ecologia delle acque dolci e la pesca interna Leibniz a Berlino, hanno annunciato di aver rilevato la presenza di Prymnesium parvum nel fiume Odra, chiamato anche alghe dorate. È noto che queste alghe producono tossine, che sono particolarmente dannose per i pesci e i molluschi. La professoressa Justyna Wolińska spiega i risultati ottenuti finora nel caso del fiume Odra e ha confermato che il fattore direttamente responsabile dei pesci finiti in stato semi-cosciente è la fioritura di Prymnesium parvum. Wolińska sottolinea che se lo stato dell’acqua nell’Odra fosse più alto, non ci sarebbe alcun disastro. Il carico di sale che è entrato nel fiume molto probabilmente non sarebbe in grado di portare alla fioritura delle alghe se ci fosse stata più acqua. La causa del disastro è anche l’alta temperatura. L’Istituto di Berlino sottolinea inoltre che il rischio per l’Odra è rappresentato dalle “attività di espansione per il trasporto sulle vie navigabili interne”. L’attuale attività dell’approfondimento del bacino idrografico sta aumentando i depositi e i nutrienti, così come i depositi di sostanze inquinanti come il mercurio. Gli scienziati del gruppo “La Scienza per la Natura” hanno scritto un appello al governo, chiedendo la tutela dei fiumi polacchi per evitare disastri simili. “Gli ecosistemi fluviali hanno una capacità naturale di rigenerarsi, ma più un determinato ecosistema viene trasformato dall’attività umana, meno è in grado di recuperare. La rinascita dei fiumi non è altro che la correzione degli errori commessi in passato” hanno scritto gli scienziati.

https://oko.press/zlote-glony-niemieckie-badania/

Quest'articolo è disponibile in: Italiano