POLONIA OGGI: Sempre meno istituti bancari tradizionali in Polonia

0
1219

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

“Dal 2012 sono scomparsi 1275 istituti bancari. Gli attuali dipendenti, perdono l’occupazione o lavorano nei call center, in chat o in webcam, dato che un’operazione bancaria su quattro in Polonia è effettuata da un’applicazione mobile”, scrive la Rzeczpospolita. Negli ultimi 4 anni, oltre 4mila e seicento polacchi hanno perso il lavoro nel settore bancario. “Questi dati indicano la presenza di nuova era online nel campo della finanza personale on-line”, dice Rafał Styczeń, presidente di Ailleron. Il gruppo Ailleron, che offre servizi di banca virtuale, pochi giorni fa ha firmato un accordo per l’attuazione della piattaforma LiveBank con Emirates National Bank of Dubai, la più grande banca degli Emirati Arabi Uniti. “In molti posti, sia in Asia sia nel Golfo Persico, le banche si modellano sulle banche polacche come mBank e BZ WBK”, afferma Styczeń. Dal rapporto di Bain & Company risulta che nell’anno scorso il cliente medio ha ridotto il numero di transazioni ATM dell’11% rispetto al 2013. Il cambiamento del modo in cui i clienti comunicano con le aziende è registrato in quasi tutti i segmenti dell’economia. Su questo trend guadagnano i fornitori di tecnologia come ad esempio LiveChat Software o Comarch. Quest’ultimo sottolinea che ha creato un prototipo di applicazione che combina le funzioni di servizi di progettazione e consulenza per gli investimenti finanziari utilizzando occhiali 3D.

rp.pl

Ulteriori informazioni: www.gazzettaitalia.pl/it/polonia-oggi

Quest'articolo è disponibile in: Italiano