Settimana della Cucina Italiana nel Mondo all’insegna di convivialità, sostenibilità e innovazione

0
112

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl.

Stamattina all’Istituto Italiano di Cultura di Varsavia è stata presentata la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo in programma dal 14 al 20 novembre organizzata da Ambasciata d’Italia, Ice-Ita, Istituti Italiani di Cultura di Varsavia e Cracovia e Camera di Commercio e dell’Industria Italiana in Polonia. “Convivialità sostenibilità, innovazione: gli ingredienti della

cucina italiana per la salute delle persone e la tutela del pianeta”, questo il tema della Settimana della Cucina 2022. “Si tratta di una iniziativa fortemente voluta dai ministeri italiani, tra cui soprattutto quello degli Esteri perché la cucina è cultura e modo d’essere che esprime nel migliore dei modi la ricchezza regionale italiana. La cucina ha anche uno straordinario valore economico per le esportazioni italiane ed è anche un modo per avere attenzione alla nostra salute”, ha dichiarato Laura Ranalli, incaricata d’affari dell’ambasciata in attesa dell’arrivo del nuovo ambasciatore. In collegamento dall’Italia è poi intervenuto il cuoco stellato Eugenio Boer: “A Varsavia porterò la filosofia del mio ristorante Bur di Milano, ovvero fare una cucina italiana contemporanea, che si fonda sui gusti della tradizione dal nord al sud, con una selezione maniacale delle materie prime, tenendo conto della sostenibilità della loro provenienza, evitando anche l’uso della plastica per quanto possibile cercando di usare al 100% le materie prime a nostra disposizione, evitando di sprecare l’acqua. In questo è assolutamente importante valorizzare il concetto antico della convivialità, del sentirsi a casa quando si è a cena insieme”. Tra gli eventi in programma c’è l’esposizione “Gli eroi del cibo” all’Istituto Italiano di Cultura di Varsavia.

“Nel ricchissimo programma di eventi legati alla cucina tra Varsavia e Cracovia, segnalo la mostra “Eroi del cibo” organizzata da Slow Food, in cui si esalta il gusto come legame con un preciso territorio”, ha dichiarato Fabio Troisi direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Varsavia. “La Polonia importa circa 19 miliardi di eu di prodotti alimentari, la Germania è il primo paese da cui importa e l’Italia è al 5° posto. Nel 2021”, ha spiegato Paolo Lemma direttore dell’Ice-Ita “la Polonia ha importato dall’Italia oltre 1 miliardo di eu di prodotti alimentari, esclusi gli alcolici, con un incremento del +24%. È una crescita costante da 5 anni a questa parte e le attese sono ottimistiche, anche nel 2022 si registra un incremento del 21% rispetto l’anno scorso. I prodotti italiani di maggior successo in Polonia sono frutta, caffè, cioccolato, formaggi, pasta, biscotti, conserve di pomodoro e olio d’oliva. In ascesa mortadelle insaccati, prosciutti e speck”. Lemma ha poi annunciato la realizzazione di due video-ricette

con l’influencer Mateusz Mroczek e la cuoca Cristina Catese. “La settimana della cucina è l’occasione per promuovere tutta la cultura italiana ed è per quello che sottolineo la collaborazione con le scuole gastronomiche polacche per i cui studenti saranno tenuti, da Emiliano Castagna, tre seminari sui prodotti alimentari italiani a Zarzecze il 15 novembre, a Danzica il 16 novembre, e a Opole il 17 novembre”, ha spiegato Luigi Iannuzzi capo della cancelleria consolare ricordando anche l’evento alla Fabryka Norblina il 15 novembre con seminario della professoressa Daniela Martini cui seguirà un aperitivo italiano. Il presidente della Camera di Commercio Piero Cannas ha poi sottolineato anche la presenza italiana alla fiera di Gastrofood di Cracovia. Il programma completo della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo si trova sul sito dell’Ambasciata d’Italia.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano