“Non odiare”, coproduzione italo-polacca alla Mostra di Venezia

0
174

Quest'articolo è disponibile in: Italiano

Questa notizia è tratta dal servizio POLONIA OGGI, una rassegna stampa quotidiana delle maggiori notizie dell’attualità polacca tradotte in italiano. Per provare gratuitamente il servizio per una settimana scrivere a: redazione@gazzettaitalia.pl

È stato proiettato ieri alla Mostra del Cinema di Venezia, nell’ambito della Settimana della Critica, il film “Non odiare”, opera prima del regista Mauro Mancini. Il film, che aprirà il Jewish Film Festival di Varsavia, racconta la storia di un medico che aiuta una persona ferita in un incidente finché non scopre sul corpo del ferito dei tatuaggi nazisti. “Un film che lavora sul confronto tra radicate convinzioni e la coscienza, un pellicola importante che tratta un tema tornato tristemente d’attualità”, ha commentato l’ambasciatore italiano in Polonia, Aldo Amati. Al termine della proiezione il protagonista principale Alessandro Gassman ha ricevuto il Premio Gazzetta Italia, menzione speciale per il cinema, dedicato alle relazioni tra Italia e Polonia. Oltre a Gassman, il direttore di Gazzetta Italia Sebastiano Giorgi ha premiato Mario Mazzarotto, presidente di Movimento Film, Michal Sterzynski, direttore della fotografia, Guglielmo Marchetti presidente di Notorious e Maciej Sterzynski di Stern Pictures. “Non odiare” è una coproduzione italo-polacca che ha messo insieme Rai Cinema, Movimento Film, Istituto Polacco di Cinematografia e Agresywna Banda.

Quest'articolo è disponibile in: Italiano